Teva pronta ad avviare terzo stu…

Al protocollo di studio c…

Riorganizzazione delle professio…

Senigallia (AN), 13 Genna…

Colesterolo: non solo nemico del…

Colesterolo, un killer sp…

[Santanews]Dialisi peritoneale: …

[caption id="attachment_6…

La muffa che si propaga meglio d…

[caption id="attachment_5…

Autismo: la fretta della diagnos…

Una diagnosi di autismo s…

Geni "lontani" dalle aree del ge…

Vicini di casa a sorpresa…

Scienziati ottengono precursori …

Partendo da cellule stami…

Il progetto Afya per un mondo li…

In occasione della Giorna…

AIDS: Trovato metodo per impedir…

Nuovo traguardo raggiunto…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Udito selettivo in uomini e donne: le parole che fanno scattare la sensibilità “di genere”

Maschi e femmine hanno un udito selettivo. Si allertano soprattutto quando ascoltano alcune parole che hanno per loro una rilevanza sociale o sono legate ai loro interessi.

Questi vocaboli vengono percepiti subito e in maniera più chiara, rispetto ad altri magari più rilevanti per l’altro sesso. A scoprirlo è la ricerca della Norfolk e Norwich University Hospital Foundation (Gb) pubblicata su ‘Hearing Journal’.

Orecchio

Orecchio

I ricercatori hanno compilato una lista di parole divisa in due gruppi o combinate in un unico elenco. Fra queste c’erano termini vicini al mondo maschile – tra cui birra e calcio – e nell’altro parole più vicine all’universo femminile – cioccolato e shopping. La lista è stata poi letta da 40 uomini e 40 donne. Ebbene, i primi hanno ricordato correttamente i termini vicini al loro interessi mentre le donne quelle più legate al loro mondo.

La spiegazione secondo gli scienziati è che “il cervello elabora le informazioni che arrivano dal sistema udito in maniera diversa negli uomini e nelle donne, perché i due sessi hanno un sistema cerebrale con connessioni interne differenti tra parte anteriore e posteriore. Spesso sentiamo pazienti che si lamentano perchè il partner sente solo quello che gli fa comodo, quindi è stato divertente spiegare loro che c’è del vero in quello che dicono”, afferma, John Phillips, otorinolaringoiatra della Norfolk e Norwich University Hospital Foundation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi