Tosse: individuato un nuovo rece…

[caption id="attachment_1…

Se i tagli si applicano meccanic…

Roma, 3 marzo 2015 - E’ s…

Contraccezione ormonale, informa…

La Regione rimane fanalin…

Una proteina a protezione del ce…

Si chiama retinoblastoma …

Tumori: tracciati i rischi delle…

Esplorati in un complesso…

Depressione: sviluppato uno spra…

Un gruppo di ricercatori …

PSA: esame dal quale si ottengon…

I possibili benefici e r…

Radioterapia: piccole dosi in gr…

Grazie a una sperimentazi…

Settimana europea della vaccinaz…

In Italia la copertu…

Batteri e guerra di segnali: Pse…

Anche nella lotta tra mic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Udito selettivo in uomini e donne: le parole che fanno scattare la sensibilità “di genere”

Maschi e femmine hanno un udito selettivo. Si allertano soprattutto quando ascoltano alcune parole che hanno per loro una rilevanza sociale o sono legate ai loro interessi.


Questi vocaboli vengono percepiti subito e in maniera più chiara, rispetto ad altri magari più rilevanti per l’altro sesso. A scoprirlo è la ricerca della Norfolk e Norwich University Hospital Foundation (Gb) pubblicata su ‘Hearing Journal’.
Orecchio

Orecchio

I ricercatori hanno compilato una lista di parole divisa in due gruppi o combinate in un unico elenco. Fra queste c’erano termini vicini al mondo maschile – tra cui birra e calcio – e nell’altro parole più vicine all’universo femminile – cioccolato e shopping. La lista è stata poi letta da 40 uomini e 40 donne. Ebbene, i primi hanno ricordato correttamente i termini vicini al loro interessi mentre le donne quelle più legate al loro mondo.

La spiegazione secondo gli scienziati è che “il cervello elabora le informazioni che arrivano dal sistema udito in maniera diversa negli uomini e nelle donne, perché i due sessi hanno un sistema cerebrale con connessioni interne differenti tra parte anteriore e posteriore. Spesso sentiamo pazienti che si lamentano perchè il partner sente solo quello che gli fa comodo, quindi è stato divertente spiegare loro che c’è del vero in quello che dicono”, afferma, John Phillips, otorinolaringoiatra della Norfolk e Norwich University Hospital Foundation.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi