Nel DNA le orme dell'infinita lo…

Dalla peste bubbonica all…

AL VIA PROGETTO MONTALCINI-AFMAL…

Roma, 26 giu. - Parti…

Antidepressivi: prozac raffredda…

Nuovi antidepressivi osta…

Tumori: altra scoperta su come v…

[caption id="attachme…

Leucemie: una forma di 'ecstasy'…

Una versione dell'Ecstasy…

Linagliptin riduce in modo signi…

I risultati degli studi…

Nasce jboard.it, il nuovo portal…

Cologno Monzese, 9 giugno…

Caffè come salva vista

Un caffè al giorno toglie…

Fumo: ansia dei genitori fa acce…

Secondo l'indagine 2013 M…

Malattie Sessualmente Trasmesse …

L’allarme lanciato da SIT…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cuore: il beneficio tratto da un’alimentazione ricca di fibre

I sopravvissuti a un attacco cardiaco che mangiano molte fibre vivono piu’ a lungo, secondo un nuovo studio pubblicato sul ‘British Medical Journal’.


Consigliare una maggiore assunzione di fibre dopo un infarto miocardico potrebbe essere quindi una strategia per aumentare i tassi di sopravvivenza a lungo termine di un paziente. cardiologiaLe persone che sopravvivono a un attacco di cuore hanno, infatti, maggiori probabilita’ di vivere piu’ a lungo se incrementano il consumo di fibre di cereali.

In particolare, chi assume piu’ fibre ha il 25 per cento di possibilita’ in meno di morire nove anni dopo l’attacco cardiaco rispetto a chi ne mangia meno. Per ogni aumento di dieci grammi al giorno di fibre, il pericolo di morire si riduce del 15 per cento nel corso di poco meno di dieci anni. I cereali a prima mattina per la colazione sono stati la principale fonte di fibra alimentare considerata. Lo studio e’ stato condotto dall’Harvard School of Public Health.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi