Tessuti cerebrali contenenti ri…

[caption id="attachment…

CNR: nuovo algoritmo identifica …

Lo studio è stato pubblic…

Nanoparticelle d'oro contro il m…

Microsfere in oro zecchin…

Morte neuronale: individuata la …

Si chiama chemochina CXCL…

Infezioni batteriche estive, pos…

La flora batterica intest…

Alcol e malessere del giorno dop…

Molte bevande alcoliche c…

Creatività e psicosi condividono…

[caption id="attachment_1…

Le mandorle e il loro benefico r…

[caption id="attachment_8…

Immunodeficienze primitive diagn…

Solo la diagnosi precoce …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule cardiache progenitrici non di grande aiuto per la rigenerazione

La popolazione di cellule cardiache progenitrici, chiamate cellule c-kit+, indicate come essenziali nella rigenerazione del cuore, offrono in realta’ solo un piccolo contributo ai nuovi cardiomiociti (cellule del muscolo cardiaco) durante l’invecchiamento e dopo eventuali lesioni.


La scoperta, riportata sulla rivista Nature, suggerisce che e’ altamente improbabile che i potenziali benefici delle iniezioni di cellule c-kit+ nel cuore dei pazienti con insufficienza cardiaca siano attribuibili alla nuova formazione di cardiomiociti.   Gli studi che hanno provato a capire se le cellule c-kit+ che risiedono all’interno del cuore possano generare nuove cellule muscolari cardiache durante l’invecchiamento o dopo un infortunio hanno prodotto risultati contrastanti.

I nuovi esperimenti effettuati sui topi da Jeffery Molkentin (Cincinnati Children’s Hospital Medical Center) hanno dimostrato che i tassi di formazione di cellule muscolari cardiache dalle cellule endogene c-kit+ sono estremamente bassi ed e’ quindi molto improbabile che possano influenzare la funzione del cuore.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi