Scoperto il gene-guida che manti…

Roma, 15 dic. - Per alzar…

Glaucoma: perché adesso si potrà…

Ricercatori australiani h…

AIDS: farmaco in grado di blocca…

Sviluppato un nuovo f…

Diabete: una diagnosi al minuto …

Ogni minuto, nel nostro P…

Tessuto osseo, ottenuto da cellu…

Scienziati del Biomed…

Liposuzione in versione "soft": …

Niente rischi, zero emato…

Staminali neuronali: più facile …

Se si utilizzano struttur…

Sclerosi multipla: nato centro s…

Oltre al crescente intere…

Dalle onde cerebrali si leggono …

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaco anticolesterolo riduce episodi di ictus e infarti

Il farmaco anti-colesterolo, il fenofibrato, e’ in grado di ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari del 30 per cento nelle donne con diabete di tipo 2.


Questo e’ quanto emerso da un nuovo studio dell’Universita’ di Sidney pubblicato sulla rivista Diabetologia. “Lo studio ha dimostrato che il fenofibrato ha ridotto il rischio di morire per malattie cardiovascolari, di avere un ictus o di altri eventi cardiovascolari avversi del 30 per cento nelle donne e nel 13 per cento negli uomini”, ha detto Tony Keech, autore dello studio. colesteroloLo studio, durato cinque anni, ha coinvolto quasi 10mila persone con diabete di tipo 2 e ha valutato l’impatto del fenofibrato su una serie di lipoproteine e trigliceridi che aumentano il rischio di eventi cardiovascolari, come ictus e infarto, e la necessita’ di procedure mediche come il bypass delle arterie coronarie.

Il fenofibrato stimola l’azione di un’enzima che “degrada” i trigliceridi e le lipoproteine a bassa densita’ nel sangue. “Le malattie cardiovascolari sono la causa piu’ comune di morte nelle donne, quasi tre volte piu’ comune del cancro al seno”, ha detto Michael d’Emden del Royal Brisbane Hospital, altro autore dello studio.

“I suoi sintomi – ha continuato – sono a volte piu’ difficile da diagnosticare nelle donne e spesso il dolore toracico tipico di un attacco di cuore non si verifica nelle persone con diabete. Percio’, una maggiore consapevolezza tra i pazienti e i loro medici e’ di vitale importanza”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x