Epstein-Barr e Sclerosi multipla…

Uno studio della Fondaz…

Al 24° Congresso ECCMID di Barce…

Prevenire la diffusione d…

Stress adolescenziali prolungati…

L'esposizione prolungata …

Cataratte: le statine diminuisco…

Le statine prevengono l…

Tumore al polmone: terapie molec…

Fino a qualche anno fa un…

Asma allergico grave: quanto con…

Quando l’asma allerg…

Tumori al fegato: ultrasuoni per…

I tumori del fegato pos…

Caffe' e bevande gassose: lunga …

[caption id="attachment_7…

Come e' coinvolto il sistema imm…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaco anticolesterolo riduce episodi di ictus e infarti

Il farmaco anti-colesterolo, il fenofibrato, e’ in grado di ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari del 30 per cento nelle donne con diabete di tipo 2.


Questo e’ quanto emerso da un nuovo studio dell’Universita’ di Sidney pubblicato sulla rivista Diabetologia. “Lo studio ha dimostrato che il fenofibrato ha ridotto il rischio di morire per malattie cardiovascolari, di avere un ictus o di altri eventi cardiovascolari avversi del 30 per cento nelle donne e nel 13 per cento negli uomini”, ha detto Tony Keech, autore dello studio. colesteroloLo studio, durato cinque anni, ha coinvolto quasi 10mila persone con diabete di tipo 2 e ha valutato l’impatto del fenofibrato su una serie di lipoproteine e trigliceridi che aumentano il rischio di eventi cardiovascolari, come ictus e infarto, e la necessita’ di procedure mediche come il bypass delle arterie coronarie.

Il fenofibrato stimola l’azione di un’enzima che “degrada” i trigliceridi e le lipoproteine a bassa densita’ nel sangue. “Le malattie cardiovascolari sono la causa piu’ comune di morte nelle donne, quasi tre volte piu’ comune del cancro al seno”, ha detto Michael d’Emden del Royal Brisbane Hospital, altro autore dello studio.

“I suoi sintomi – ha continuato – sono a volte piu’ difficile da diagnosticare nelle donne e spesso il dolore toracico tipico di un attacco di cuore non si verifica nelle persone con diabete. Percio’, una maggiore consapevolezza tra i pazienti e i loro medici e’ di vitale importanza”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi