Cinque anni di Legge 38: più luc…

Roma, 13 Marzo 2015 – “Le…

Glicemia: nuovo sistema per misu…

Le persone ammalate di di…

29 OTTOBRE 2009: V GIORNATA MOND…

Annunciato da Alice I…

Dal liquido amniotico cellule st…

Uno studio pubblicato su…

Sclerosi Multipla: attesi i risu…

La ricerca sulla sclerosi…

Le opinioni altrui hanno un'infl…

Anche se a tutti piace pe…

Epatite C: al vaglio dell'EMA l'…

Bristol-Myers Squibb ha a…

Cannabis legalizzata: ma in Colo…

In Colorado la proporzion…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Nuova terapia contro obesità e d…

Due professori credon…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaco anticolesterolo riduce episodi di ictus e infarti

Il farmaco anti-colesterolo, il fenofibrato, e’ in grado di ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari del 30 per cento nelle donne con diabete di tipo 2.

Questo e’ quanto emerso da un nuovo studio dell’Universita’ di Sidney pubblicato sulla rivista Diabetologia. “Lo studio ha dimostrato che il fenofibrato ha ridotto il rischio di morire per malattie cardiovascolari, di avere un ictus o di altri eventi cardiovascolari avversi del 30 per cento nelle donne e nel 13 per cento negli uomini”, ha detto Tony Keech, autore dello studio. colesteroloLo studio, durato cinque anni, ha coinvolto quasi 10mila persone con diabete di tipo 2 e ha valutato l’impatto del fenofibrato su una serie di lipoproteine e trigliceridi che aumentano il rischio di eventi cardiovascolari, come ictus e infarto, e la necessita’ di procedure mediche come il bypass delle arterie coronarie.

Il fenofibrato stimola l’azione di un’enzima che “degrada” i trigliceridi e le lipoproteine a bassa densita’ nel sangue. “Le malattie cardiovascolari sono la causa piu’ comune di morte nelle donne, quasi tre volte piu’ comune del cancro al seno”, ha detto Michael d’Emden del Royal Brisbane Hospital, altro autore dello studio.

“I suoi sintomi – ha continuato – sono a volte piu’ difficile da diagnosticare nelle donne e spesso il dolore toracico tipico di un attacco di cuore non si verifica nelle persone con diabete. Percio’, una maggiore consapevolezza tra i pazienti e i loro medici e’ di vitale importanza”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!