Fecondazione assistita: prima do…

Nel Regno Unito e' stata …

Cat: super-microscopio ad altiss…

L'apparecchio ad altissim…

Fumo: dieci anni di legge Sirchi…

(ANSA)E' entrata in vigor…

HIV: in Italia parte la sperimen…

[caption id="attachment_9…

L'ipotesi sull'origine genetica …

[caption id="attachment_9…

Funziona il primo polmone in pro…

[caption id="attachment_8…

Un caffè al dì, per allontanare …

Basta una sola tazza di c…

Obesità: dimagrire con farmaco a…

La saliva del mostro di …

19 Maggio: giornata mondiale del…

Una persona su 12 nel mon…

Congedo maternità: per la SIN ne…

Il presidente Fabio Mosca…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Farmaco anticolesterolo riduce episodi di ictus e infarti

Il farmaco anti-colesterolo, il fenofibrato, e’ in grado di ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari del 30 per cento nelle donne con diabete di tipo 2.


Questo e’ quanto emerso da un nuovo studio dell’Universita’ di Sidney pubblicato sulla rivista Diabetologia. “Lo studio ha dimostrato che il fenofibrato ha ridotto il rischio di morire per malattie cardiovascolari, di avere un ictus o di altri eventi cardiovascolari avversi del 30 per cento nelle donne e nel 13 per cento negli uomini”, ha detto Tony Keech, autore dello studio. colesteroloLo studio, durato cinque anni, ha coinvolto quasi 10mila persone con diabete di tipo 2 e ha valutato l’impatto del fenofibrato su una serie di lipoproteine e trigliceridi che aumentano il rischio di eventi cardiovascolari, come ictus e infarto, e la necessita’ di procedure mediche come il bypass delle arterie coronarie.

Il fenofibrato stimola l’azione di un’enzima che “degrada” i trigliceridi e le lipoproteine a bassa densita’ nel sangue. “Le malattie cardiovascolari sono la causa piu’ comune di morte nelle donne, quasi tre volte piu’ comune del cancro al seno”, ha detto Michael d’Emden del Royal Brisbane Hospital, altro autore dello studio.

“I suoi sintomi – ha continuato – sono a volte piu’ difficile da diagnosticare nelle donne e spesso il dolore toracico tipico di un attacco di cuore non si verifica nelle persone con diabete. Percio’, una maggiore consapevolezza tra i pazienti e i loro medici e’ di vitale importanza”.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x