Tumori: tecnologia innovativa pe…

Ricercatori finanziati da…

Beta-talassemia: la terapia gen…

[caption id="attachment_8…

A Capri una due giorni di confro…

In Italia allo stato at…

L'importanza del DNA in 3D

Una nuova tecnica messa a…

Trattamento del pene curvo con c…

FIRENZE, 2017 – Sono stat…

Il 9 febbraio si celebra la 1° G…

Roma, 6 febbraio 2015 – I…

Sei stato allattato al seno? Far…

Lo sostiene uno studio in…

Neuroni e sovrappeso: ecco l'ord…

[caption id="attachme…

Meningite: l'EMA autorizza il va…

L'Agenzia europea del far…

Tumori ossei: nei bambini la spe…

Utilizzare cellule stamin…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ebola: due vaccini sperimentati su 100 casi offrono risultati promettenti

La sperimentazione clinica di due vaccini sara’ presto avviata in Svizzera su 100 persone a Losanna e a Ginevra. Lo ha dichiarato alla Radio Svizzera francese Marcel Tanner, direttore del “Public Health Institute” di Basilea.


“La Svizzera gioca un ruolo centrale” in questa ricerca, ha sottolineato Tanner, poiche’ si tratta dei vaccini per il momento piu’ promettenti per contrastare questa epidemia.   Tuttavia, prima che parta la sperimentazione, bisognera’ attendere l’autorizzazione di Swissmedic – l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici – e della Commissione etica – si legge sul Corriere del Ticino. Parallelamente i vaccini verranno provati anche in Africa, in una zona non ancora colpita dalla febbre ebola.

Si tratta della prima fase di test, in cui vengono provate la sicurezza e l’efficacia nel rispondere ai due vaccini, che vengono definiti “promettenti”. Il primo e’ un adenovirus di scimpanze’, sviluppato dalle autorita’ sanitarie americane e dall’azienda farmaceutica GlaxoSmithKline. Il secondo vaccino e’ un virus della stomatite vescicolare, la cui licenza e’ in mano all’americana NewLink Genetics.

Se i due preparati dovessero risultare efficaci e produrre i necessari anticorpi in modo corretto, attraverso un procedimento accelerato potrebbero venir somministrati al personale sanitario che opera nelle zone colpite da ebola, ha detto ancora Tanner.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!