Report sulla sigaretta elettroni…

Agenzia Nazionale per la …

Le mandorle e il loro benefico r…

[caption id="attachment_8…

Un nuovo stent a rilascio di far…

Al 7° Summit internaziona…

Lotta al dolore e spending revie…

Il 29 e 30 Giugno, torna …

Eccellenza “targata” al reparto …

Una targa prestigiosa -ch…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Biosentinella salva-cuore, per e…

È il biomarker copeptina.…

AIDS: da medicinali generici la …

L'uso di medicinali gene…

Cancro al seno e obesita': scope…

Un comune "mantra" che ci…

Donne italiane dopo la menopausa…

Workshop Incontinenza U…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ebola: due vaccini sperimentati su 100 casi offrono risultati promettenti

La sperimentazione clinica di due vaccini sara’ presto avviata in Svizzera su 100 persone a Losanna e a Ginevra. Lo ha dichiarato alla Radio Svizzera francese Marcel Tanner, direttore del “Public Health Institute” di Basilea.


“La Svizzera gioca un ruolo centrale” in questa ricerca, ha sottolineato Tanner, poiche’ si tratta dei vaccini per il momento piu’ promettenti per contrastare questa epidemia.   Tuttavia, prima che parta la sperimentazione, bisognera’ attendere l’autorizzazione di Swissmedic – l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici – e della Commissione etica – si legge sul Corriere del Ticino. Parallelamente i vaccini verranno provati anche in Africa, in una zona non ancora colpita dalla febbre ebola.

Si tratta della prima fase di test, in cui vengono provate la sicurezza e l’efficacia nel rispondere ai due vaccini, che vengono definiti “promettenti”. Il primo e’ un adenovirus di scimpanze’, sviluppato dalle autorita’ sanitarie americane e dall’azienda farmaceutica GlaxoSmithKline. Il secondo vaccino e’ un virus della stomatite vescicolare, la cui licenza e’ in mano all’americana NewLink Genetics.

Se i due preparati dovessero risultare efficaci e produrre i necessari anticorpi in modo corretto, attraverso un procedimento accelerato potrebbero venir somministrati al personale sanitario che opera nelle zone colpite da ebola, ha detto ancora Tanner.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi