Tumori: una proteina in grado di…

Il corpo possiede una sor…

Tumore al seno: una donna su cin…

Forse è la paura inco…

AIFA istituisce gruppo di lavoro…

Il direttore generale del…

Nuovi dati su nintedanib ne dimo…

• Risultati ad int…

NASCE LA COMMUNITY DEGLI #HYPOHE…

Milano, 14 novembre 2016 …

Neuromodulazione, trattamento ch…

36° CONGRESSO NAZIONALE L…

Fecondazione assistita: sdraiate…

Dopo un'inseminazione art…

Il costo energetico del sistema …

[caption id="attachment_8…

Una lipoproteina, 'grassa' nemic…

[caption id="attachment_5…

Vitamina C: si dimostra in grado…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fibrosi polmonare: possibile nuovo approccio terapeutico

Scoperto un approccio terapeutico che, almeno nei topi, permette di bloccare e di invertire il progresso della fibrosi polmonare.


A scoprirlo un gruppo di ricercatori della Yale University che hanno pubblicato i risultati delle loro ricerche sulla rivista Embo Molecular Medicine. fibrosiIl trattamento prevede l’utilizzo di una mimica di micro-RNA che viene portata ai polmoni da una semplice infusione nel sangue. “La mimica, una volta iniettata nel sangue, va al polmone e ha un effetto duraturo. Siamo molto colpiti dal fatto che si puo’ invertire la fibrosi, non solo impedirla”, ha detto Naftali Kaminski, MD, professore alla Yale School of Medicine e principale autore della ricerca. La ricerca e’ stata realizzata in collaborazione con miRagen Therapeutics che ha sviluppato la molecola (miR-29) che e’ stata impiegata nella sperimentazione.

La molecola era stata sviluppata per un diverso approccio terapeutico, ma ora, visti i risultati di questa sperimentazione, i ricercatori di Yale vogliono portare avanti le loro ricerche per verificare l’impatto della terapia sulla Fibrosi polmonare idiopatica umana.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi