Ricerca Telethon, la morte impro…

[caption id="attachme…

Tumori: Sicilia e INFN per macch…

[caption id="attachment_8…

Il Nobel per la chimica del 2011…

Daniel Shechtman, nato …

Depressione: una proteina potreb…

Gli scienziati hanno…

Le difese arrivano anche dal feg…

[caption id="attachment_8…

Supervirus H5N1 creato in labora…

Due esperimenti in Olanda…

Alzheimer: farmaco anti-tumorale…

Su "Science" gli esiti pr…

Carcinoma colon rettale: la medi…

L'incidenza grezza del ca…

Da un fungo velenoso una tossina…

L’Amanita falloide, noto …

Cuore: con gli innesti biodegrad…

Un innesto per arterie co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fibrosi polmonare: possibile nuovo approccio terapeutico

Scoperto un approccio terapeutico che, almeno nei topi, permette di bloccare e di invertire il progresso della fibrosi polmonare.


A scoprirlo un gruppo di ricercatori della Yale University che hanno pubblicato i risultati delle loro ricerche sulla rivista Embo Molecular Medicine. fibrosiIl trattamento prevede l’utilizzo di una mimica di micro-RNA che viene portata ai polmoni da una semplice infusione nel sangue. “La mimica, una volta iniettata nel sangue, va al polmone e ha un effetto duraturo. Siamo molto colpiti dal fatto che si puo’ invertire la fibrosi, non solo impedirla”, ha detto Naftali Kaminski, MD, professore alla Yale School of Medicine e principale autore della ricerca. La ricerca e’ stata realizzata in collaborazione con miRagen Therapeutics che ha sviluppato la molecola (miR-29) che e’ stata impiegata nella sperimentazione.

La molecola era stata sviluppata per un diverso approccio terapeutico, ma ora, visti i risultati di questa sperimentazione, i ricercatori di Yale vogliono portare avanti le loro ricerche per verificare l’impatto della terapia sulla Fibrosi polmonare idiopatica umana.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!