Il progetto Afya per un mondo li…

In occasione della Giorna…

[ASCO] Tumori della tiroide e de…

[caption id="attachment_7…

Carcinoma alla tiroide: nuove te…

L'agenzia del farmaco sta…

Pochi alimenti, i neuroni dell'i…

A differenza degli altri …

Milano all’avanguardia nel tratt…

Dottor Maurizio Cremona, …

Tumore al seno: secondo Veronesi…

''Siamo in una fase inter…

Nel giorno delle professioni i f…

Roma, 1° marzo 2012 - Il …

TAC: L'Ist. Tumori di Bari riduc…

L'Istituto Tumori di Bari…

Colesterolo: lo degrada un actin…

[caption id="attachment_7…

Chirurgia: non sempre per un men…

Uno studio dell'Universit…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un ormone in grado di sortire stessi effetti di una dieta ipocalorica

Esiste un ormone che, almeno nei vermi, ripoduce gli effetti di una dieta estrema: aumenta la longevita’ e riduce la fertilita’.

A scoprirlo e’ stato un gruppo di ricercatori francesi guidato da Hugo Aguilaniu del Laboratorio di Biologia Molecolare delle Cellule del CNRS di Lione che hanno pubblicato i dati della loro scoperta sulla rivista Nature Communications. Mangiare meno prolunga la durata della vita di un gran numero di specie, dai lieviti ai primati passando per ragni e gatti.   E’ anche noto che la restrizione calorica drastica riduce l’incidenza di condizioni legate all’eta’ (come il cancro, le malattie neurodegenerative e perdita di massa muscolare). Questo e’ stato dimostrato nei roditori e grandi scimmie, ed e’ probabile che lo stesso valga per l’uomo.

Tuttavia, tali diete estreme (al limite con malnutrizione) sono difficili da mantenere, in particolare a causa dei loro effetti collaterali, che sono sia psicologici (irritabilita’ , libido alterata) e fisiologici (riduzione della fertilita’). Per motivi di salute, queste diete non sono pertanto raccomandate.

L’ormone scoperto dai ricercatori francesi viene prodotto proprio in funzione della restrizione calorica. Questo ormone, chiamato acido dafacronico e’ necessario per l’allungamento della longevita’ e per il calo della fertilita’. I ricercatori hanno anche scoperto il recettore attraverso il quale l’acido dafachronic esercita la sua azione nei nuclei delle cellule. Come “direttore dell’orchestra”, la sua presenza puo’ attivare un gran numero di geni. In questa “sinfonia genetica”, alcuni geni potranno indurre una riduzione della fertilita’, mentre altri saranno rallentare il processo di invecchiamento.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!