Ictus: in arrivo nuovi farmaci e…

Stanno per arrivare a…

Chip terapeutici, che si dissolv…

Costruiti con componenti …

Bayer “reinventa” Aspirina contr…

Dalla ricerca Bayer arriv…

8° Congresso Nazionale Associazi…

· Aumento incidenza …

Mamma, vado all’asilo. Tutti i c…

Decidere di mandare un ba…

Lo sviluppo sociale dei neonati …

Accarezzare gentilmente u…

Linee di condotta per la profila…

Roma, 26 novembre 2013 –…

La strana correlazione tra anore…

Le ragazze con anores…

Schizofrenia: la fondata efficac…

Un nuovo studio pubblicat…

CNR: spirometria, confermato il …

Lo screening precoce sui …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dolore oncologico: serve piu’ informazione, circa il 40% dei pazienti non vuole essere trattato

TEVAPresentata un’indagine Doxapharma in collaborazione con SICP e Teva Italia
sul dolore episodico intenso.

Milano, 16 ottobre 2014 – Il 70% dei medici palliativisti e il 79% degli infermieri palliativisti intervistati dichiara che il dolore episodico intenso (Dei) o breakthrough cancer pain (BTcP), viene sottostimato. Inoltre secondo gli specialisti il 46% dei pazienti a cui viene diagnosticato il BTcP e il 33% secondo gli infermieri, non accetta di essere trattato farmacologicamente.

Questi i dati emersi dall’indagine condotta da Doxapharma sul BTcP presentata in occasione del XXI congresso nazionale della Società Italiana Cure Palliative, che si è tenuto ad Arezzo la scorsa settimana, con il supporto incondizionato di Teva Italia.

L’indagine ha coinvolto 302 operatori sanitari tra medici e infermieri palliativisti equamente distribuiti tra Nord, Centro e Sud Italia e operanti sia in Hospice che a domicilio.

Il dolore episodico intenso colpisce in particolar modo i pazienti oncologici in fase terminale. È un dolore improvviso, difficile da prevedere, che crea un forte disagio fisico e psicologico.

La poca conoscenza del BTcP e la credenza di dover “sopportare” una quota di dolore implicita nella patologia oncologica, spinge i pazienti a subire in modo silente il dolore e a rifiutare le cure. Inoltre, circa nel 50% dei casi sono i medici e gli infermieri a non giudicare il dolore abbastanza forte da essere trattato farmacologicamente.

Piero Morino, direttore del coordinamento cure palliative dell’Azienda Sanitaria di Firenze e membro del direttivo SICP, parla di “sindrome dell’eroe”. “Il paziente pensa che l’efficacia delle cure dipenda da quanto lui è bravo o sopporta il dolore. Perciò minimizza o tace. Oppure dice resisto. Una follia, perché la resistenza nel paziente oncologico non è un concetto terapeutico”.

“Compito del palliativista è proprio prendere in carico il malato nella sua totalità: dal punto di vista clinico, psicologico, umano”, conclude il direttore della Fondazione Roma Sanità Italo Penco, anch’egli nel direttivo nazionale SICP. “Solo cercando di capire perché un malato ha dolore e quali sono le sue paure più profonde, lo si può aiutare a combatterle e migliorare la sua qualità di vita”.

Per gestire in modo ottimale il BTcP a beneficio del paziente oncologico servirebbe una diagnosi tempestiva e l’utilizzo di oppioidi in formulazioni che permettono un rilascio rapido, oltre a una maggiore comunicazione; medici e infermieri sostengono infatti all’unisono l’importanza di informare il paziente sull’esistenza di una forma di dolore più forte e imprevedibile, ma soprattutto del fatto che questo possa  essere controllato.

Teva
Teva è una delle principali aziende farmaceutiche mondiali, è impegnata nell’accrescere l’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità attraverso lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di farmaci generici, così come di farmaci innovativi e di  principi attivi. Per quanto riguarda i farmaci innovativi, Teva concentra la sua attività di sviluppo nell’area delle malattie neurologiche, di quelle oncologiche, respiratorie e della salute della donna, oltre che nel settore dei farmaci biotecnologici e biosimilari.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi