Infiammazioni controllate da dif…

Le infiammazioni sono con…

Dengue: si parla molto della zan…

[caption id="attachment_6…

Malattie renali: nuovi studi fan…

[caption id="attachment_7…

Melanoma: il gene dei "rossi" ne…

Il pigmento della pel…

Sclerosi Multipla: casi in aumen…

I casi di sclerosi multip…

Endometriosi: il ruolo chiave de…

Un passo in avanti verso …

Ipertensione resistente: la diag…

Un'accurata valutazione d…

Emofilia: quel gene difettoso ch…

Risultati duraturi a 5 an…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nobel 2014 Medicina e coniugi Moser per ‘GPS cervello’.

I coniugi norvegesi Edvard e May-Britt Moser e il britannico-americano John O’Keefe sono i vincitori del premio Nobel per la Medicina.

Il riconoscimento e’ per la scoperta di un sistema cellulare di posizionamento nel cervello che rende possibile l’orientamento, una sorta di “Gps dell’uomo”. I coniugi Edvard e May-Britt e Moser sono la quinta coppia sposata a conquistare un Nobel. Nobel: Medicina a O’Keefe e coniugi Moser per ‘Gps cervello’.nobel_okeefe “Come facciamo a sapere dove siamo, come possiamo trovare il modo di andare da un posto all’altro? E come possiamo memorizzare queste informazioni in modo che, la prossima volta, possiamo subito ritrovare lo stesso percorso?”: questo il senso della scoperta dei tre scienziati, come e’ stato spiegato in un comunicato l’assemblea del Nobel, riunita nell’Istituto Karolinska di Stoccolma.

Il trio si dividera’ un premio di otto milioni di sorone svedesi, pari a 870mila euro. Fu O’Keefe che nel 1971 individuo’ il primo componente di questo sistema di posizionamento. Egli scopri’ che c’era un tipo di cellula nervosa nell’area del cervello chiamata ippocampo che si attivava sempre quando una cavia si trovava in un determinato posto in una stanza; altre cellule nervose si attivavano quando la cavia era in altri punti. O’Keefe concluse dunque che queste ‘cellule di posizionamento’ formavano una mappa della stanza.

Piu’ di tre decenni piu’ tardi, i norvegesi May-Britt ed Edvard Moser, aggiunsero un altro componente chiave di questo sistema di posizionamento del cervello: identificarono un altro tipo di cellula nervosa, che chiamarono cellule griglia: esse generano un sistema coordinato e consentono un preciso posizionamento e percorso. Le loro successive ricerche hanno mostrato che cellule di posizionamento e cellule grigia rendono possibile determinare localizzare un luogo e poi muoversi. Secondo l’accademia del Nobel, le ricerche dei tre scienziati hanno risolto un problema che “aveva appassionato per secoli filosofi e scienziati, ovvero come un cervello crea una mappa dello spazio che ci circonda e come possiamo muoverci in un ambiente complesso”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!