Microalbuminuria e rischi cardio…

[caption id="attachme…

Ipertensione in gravidanza: aume…

Migliora la percentua…

Anestesia: gli effetti su connes…

Gli effetti dell'anestesi…

Alzheimer: la vitamina E rallent…

L'uso di vitamina E nei …

Congresso SIN: annunciato il vin…

Milano, 5 novembre 2013 –…

Oltre 3 milioni gli italiani dia…

A 10 giorni dalla Giornat…

Ictus: un semplice test per calc…

Gli anziani che hanno dif…

Il dialogo tra le ossa e tutti g…

Dalle ultime ricerche la …

#Coronavirus: pronto un farmaco …

E' stato messo a punto il…

Cellule staminali: efficaci per …

Le migliori e piu' ef…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome da fatica cronica: scoperta l’esistenza del disturbo in aree cerebrali

Il cervello dei soggetti affetti dalla sindrome da fatica cronica e’ nettamente diverso da quello delle persone sane.


A trovare le prove dell’esistenza di questa condizione, spesso considerata frutto della mente di persone ipocondriache, e’ stato un gruppo di ricercatori della Stanford University School of Medicine in uno studio pubblicato sulla rivista Radiology. La sindrome da fatica cronica e’ una patologia debilitante e invalidante caratterizzata da stanchezza e affaticamento cronici. Nonostante questo, la sua esistenza e’ stata messa piu’ volte in discussione.  “Usando un trio di sofisticate metodologie di imaging cerebrale, abbiamo scoperto che i cervelli dei pazienti con la sindrome da fatica cronica divergono da quelli dei soggetti sani in almeno tre modi distinti”, ha detto Michael Zeineh, autore dello studio.
In primo luogo la materia bianca, cioe’ quei fasci di fibre nervose che uniscono l’encefalo e il midollo spinale, presente nel cervello dei pazienti e’ minore di quella dei soggetti sani. Non solo.

Le persone con sindrome da stanchezza cronica presentano un’anomalia importante in un particolare tratto nervoso dell’emisfero destro, cioe’ quello che collega il lobo frontale con il lobo temporale. Piu’ il grado di anomalia e’ grande, maggiore e’ la gravita’ della sindrome. Infine, gli scienziati hanno evidenziato un ispessimento della materia grigia nel lobo frontale e nel lobo temporale dei pazienti con la sindrome.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x