Tubercolosi: triplo cocktail di …

Un 'triplo cocktail' di f…

La differenziazione delle cellul…

Sono alcune cascate d…

Disponibile in Italia un nuovo f…

Cologno Monzese, aprile 2…

FDA pone il suo OK sul test rapi…

La Food and drug administ…

Dita bioniche restituiscono la m…

Maria Antonia Iglesias è …

Brescia: Mosca (SIN), la prematu…

Secondo il Presidente del…

[IRCCS E. Medea] Per traumi clin…

A Pieve di Soligo sperime…

Enfisema: la predisposizione e l…

Sebbene i topi non avesse…

SLA: una proteina anomala che si…

Scoperta una proteina ano…

Conta-morsi per dimagrire: la cu…

Ideato alla Clemson Unive…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stress e collera: i geni incidono sulla salute del cuore e sul ‘peso’.

Una nuova scoperta nel campo della genetica, firmata dalla Duke University (Usa) e pubblicata sull”European Journal of Human Genetics’, suggerisce che “una suscettibilità genetica, lo stress psicosociale e i fattori metabolici agiscono in combinazione per aumentare il rischio di malattie cardiovascolari”.


Lo studio stima che il 13% dei soggetti caucasici sia portatore di questa suscettibilità genetica, che li rende più inclini alla collera, all’ansia e alla depressione. Inoltre sarebbero più esposti ad un aumento del girovita e alle insidie dello stress. Fattori determinanti per diabete e malattie cardiache.

test_genetici

I ricercatori hanno analizzato i dati dell’intero genoma di quasi 6.000 persone iscritte nel registro Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis (Mesa). Il Mesa è iniziato nel 2000 per studiare le correlazioni tre le malattie cardiache e il Dna, oltre ad alcuni elementi come il peso, la circonferenza dei fianchi, l’indice di massa corporea, i livelli di colesterolo, glucosio e pressione sanguigna.

Gli scienziati hanno scoperto che alcune variazioni chiamate Polimorfismi di un singolo nucleotide (Snps) del gene Ebf1 mostrato un forte legame con la circonferenza dei fianchi, a seconda dei livelli di stress cronico del soggetto. Ovvero, più aumenta quest’ultimo più si tende ad ingrassare.

“Con ulteriori analisi – suggerisce Abanish Singh – abbiamo scoperto un significativo legame tra il forte stress cronico e l’aumento della circonferenza dei fianchi, alti livelli di glucosio nel sangue e diabete. Oltre ad un aumento delle malattie cardiovascolari, in particolare l’aterosclerosi. Ma questo quadro è riscontrabile solo nelle persone di etnia caucasica, portatrici del polimorfismo di Ebf1”.

Questi risultati sottolineano come un intervento per ridurre lo stress insieme ad una corretta dieta e all’esercizio fisico “possono ridurre il rischio di malattie cardiovascolari – concludono gli scienziati – E per farlo serve un’azione più efficace nei soggetti con questo specifico genotipo”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi