Epatite C: l'allarme dei microbi…

E' necessaria una campa…

Nanodroni scagliati contro il "b…

Oggi e' possibile super…

Sviluppo cardiaco nell'embrione:…

Due problemi principali i…

Cancro al pancreas: alleati nel …

Sedano, carciofi ed e…

Gomito del tennista: iniezioni i…

Trovato finalmente un rim…

Cancro: erba tossica in grado di…

Un farmaco sperimentale,…

Boehringer Ingelheim BioXcellenc…

Ingelheim,Germania, 18 gi…

Ogni cervello ha un network, ogn…

Per evitare ingorghi e st…

Nuova opportunità terapeutica pe…

PROGRESSI DELLA TERAPIA…

Epigenoma: la prima mappa comple…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stress e collera: i geni incidono sulla salute del cuore e sul ‘peso’.

Una nuova scoperta nel campo della genetica, firmata dalla Duke University (Usa) e pubblicata sull”European Journal of Human Genetics’, suggerisce che “una suscettibilità genetica, lo stress psicosociale e i fattori metabolici agiscono in combinazione per aumentare il rischio di malattie cardiovascolari”.


Lo studio stima che il 13% dei soggetti caucasici sia portatore di questa suscettibilità genetica, che li rende più inclini alla collera, all’ansia e alla depressione. Inoltre sarebbero più esposti ad un aumento del girovita e alle insidie dello stress. Fattori determinanti per diabete e malattie cardiache.

test_genetici

I ricercatori hanno analizzato i dati dell’intero genoma di quasi 6.000 persone iscritte nel registro Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis (Mesa). Il Mesa è iniziato nel 2000 per studiare le correlazioni tre le malattie cardiache e il Dna, oltre ad alcuni elementi come il peso, la circonferenza dei fianchi, l’indice di massa corporea, i livelli di colesterolo, glucosio e pressione sanguigna.

Gli scienziati hanno scoperto che alcune variazioni chiamate Polimorfismi di un singolo nucleotide (Snps) del gene Ebf1 mostrato un forte legame con la circonferenza dei fianchi, a seconda dei livelli di stress cronico del soggetto. Ovvero, più aumenta quest’ultimo più si tende ad ingrassare.

“Con ulteriori analisi – suggerisce Abanish Singh – abbiamo scoperto un significativo legame tra il forte stress cronico e l’aumento della circonferenza dei fianchi, alti livelli di glucosio nel sangue e diabete. Oltre ad un aumento delle malattie cardiovascolari, in particolare l’aterosclerosi. Ma questo quadro è riscontrabile solo nelle persone di etnia caucasica, portatrici del polimorfismo di Ebf1”.

Questi risultati sottolineano come un intervento per ridurre lo stress insieme ad una corretta dieta e all’esercizio fisico “possono ridurre il rischio di malattie cardiovascolari – concludono gli scienziati – E per farlo serve un’azione più efficace nei soggetti con questo specifico genotipo”.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x