Curcuma: studio sul potere rigen…

La nota spezia, già ogget…

29 OTTOBRE 2009: V GIORNATA MOND…

Annunciato da Alice I…

Gene di parassita suino utile co…

Vermi parassiti di suini …

Dolore, necessaria rivoluzione c…

Sigg e Siot promuovono,…

Cereali a colazione: per tenere …

Fare colazione è importan…

Tumori cerebrali: stimolare il c…

Un gruppo di ricercatori…

Embolia polmonare: meglio rileva…

Una nuova ricerca dimost…

Il delicato momento della divisi…

[caption id="attachment_9…

Un batterio controllato da genom…

[caption id="attachment_7…

Ricerca medica avanzata in linea…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stress e collera: i geni incidono sulla salute del cuore e sul ‘peso’.

Una nuova scoperta nel campo della genetica, firmata dalla Duke University (Usa) e pubblicata sull”European Journal of Human Genetics’, suggerisce che “una suscettibilità genetica, lo stress psicosociale e i fattori metabolici agiscono in combinazione per aumentare il rischio di malattie cardiovascolari”.

Lo studio stima che il 13% dei soggetti caucasici sia portatore di questa suscettibilità genetica, che li rende più inclini alla collera, all’ansia e alla depressione. Inoltre sarebbero più esposti ad un aumento del girovita e alle insidie dello stress. Fattori determinanti per diabete e malattie cardiache.

test_genetici

I ricercatori hanno analizzato i dati dell’intero genoma di quasi 6.000 persone iscritte nel registro Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis (Mesa). Il Mesa è iniziato nel 2000 per studiare le correlazioni tre le malattie cardiache e il Dna, oltre ad alcuni elementi come il peso, la circonferenza dei fianchi, l’indice di massa corporea, i livelli di colesterolo, glucosio e pressione sanguigna.

Gli scienziati hanno scoperto che alcune variazioni chiamate Polimorfismi di un singolo nucleotide (Snps) del gene Ebf1 mostrato un forte legame con la circonferenza dei fianchi, a seconda dei livelli di stress cronico del soggetto. Ovvero, più aumenta quest’ultimo più si tende ad ingrassare.

“Con ulteriori analisi – suggerisce Abanish Singh – abbiamo scoperto un significativo legame tra il forte stress cronico e l’aumento della circonferenza dei fianchi, alti livelli di glucosio nel sangue e diabete. Oltre ad un aumento delle malattie cardiovascolari, in particolare l’aterosclerosi. Ma questo quadro è riscontrabile solo nelle persone di etnia caucasica, portatrici del polimorfismo di Ebf1”.

Questi risultati sottolineano come un intervento per ridurre lo stress insieme ad una corretta dieta e all’esercizio fisico “possono ridurre il rischio di malattie cardiovascolari – concludono gli scienziati – E per farlo serve un’azione più efficace nei soggetti con questo specifico genotipo”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!