L'Italian Rolfing week, per dire…

Sedute gratuite e seminar…

NEUROPROBES: il progetto per son…

[caption id="attachment_7…

Tumore al seno: fumo e recettori…

[caption id="attachment_8…

Difetti della coagulazione e odo…

Roma, 21 novembre 2013 - …

Cancro, nuove scoperte tra inter…

Sessanta nuovi geni poten…

Perdita di udito: come affrontar…

Circa il 16 per cento deg…

Tumori: una proteina correlata a…

La mancanza della protein…

Esami di imaging fanno lievitare…

Gli esami di imaging sono…

Morbillo: il virus che potrebbe …

Il virus del morbillo, in…

Oncologo: dalle sigarette elettr…

"Il vantaggio evident…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cuore in 3D per chirurgia sicura sui bambini

Un modello tridimensionale è meglio di una lastra 2D. Soprattutto se è necessario operare il cuore di un bimbo affetto da difetti congeniti.

Negli Usa il sistema è già realtà e ha permesso di operare con successo tre giovani pazienti tra cui un bimbo di appena 9 mesi. La novità è rappresentata proprio dalla tecnologia delle stampanti 3D, i cui risultati nel campo della cardiochirurgia pediatrica sono stati presentati al congresso annuale dell’American Heart Association.  La «gaia scienza»: 10 innovazioni che semplificano la vita.

La prassi preoperatoria prevedeva, infatti, fino ad ora la creazione di mappe per la guida del bisturi ricavate da radiografie, da ecografie e risonanze magnetiche. L’introduzione di modelli in 3D ha permesso di aggiungere tasselli importanti alla comprensione del chirurgo: le malformazioni cardiache presenti dalla nascita possono, infatti, alterare le complesse strutture cardiache.

I modellini in 3D sono preparati con ceramica e gesso e vengono utilizzati dal chirurgo per studiare l’intervento e decidere come e dove intervenire. “ Tenere in mano il ‘cuore modello’, poterlo toccare offre un nuovo livello di comprensione che non può essere raggiunto solo con le immagini 2D o anche 3D. Oggi tutto quello che una volta era usato per costruire i camion, lo stiamo usando per costruire modelli realistici di cuori”, dice Matthew Bramlet, direttore del Programma ‘Congenital Heart Disease Mri’ all’University of Illinois.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!