Monitorare tumore ai polmoni con…

La risposta ai trattament…

Sequenze ripetute del genoma: al…

Sequenze ripetute del gen…

Cellule staminali: il segreto de…

Svelato il segreto ch…

Tumore alla prostata: scoperto b…

I ricercatori dell'Univer…

Fecondazione assistita: nuova te…

[caption id="attachment_9…

Ictus Ischemico: all’Ospedale di…

[caption id="attachment_7…

Ictus: quella passeggiata quotid…

Camminare puo' ridurre il…

CSS: per combattere il grasso no…

No a cocktail di farmaci …

Malattie renali: camminare, semp…

Le persone affette da mal…

Perdita di densità ossea: topi n…

Un gruppo di topi affront…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Memoria: scoperto nel cervello un interruttore in grado di migliorarne le prestazioni

Individuato un interruttore nel cervello che potrebbe essere utilizzato per aumentare e migliorare la capacita’ di memorizzare le informazioni.


Ad annunciarlo e’ stato un gruppo di ricercatori del Research Institute of the McGill University Health Centre di Montreal (Canada) in una nota. Gli studiosi hanno identificato una molecola che frena le capacita’ di elaborazione del cervello. Una volta rimossa, la memoria puo’ essere migliorata. La scoperta potrebbe avere importanti implicazioni nel trattamento e nella prevenzione di malattie neurologiche neurodegenerative, come l’autismo e l’Alzheimer.alzheimer
La proteina che “frena” il cervello si chiama FXR1P (Fragile X Related Protein 1). Essa inibisce la produzione di molecole necessarie per la “costruzione” di nuove memorie. Una volta rimossa in alcuni parti del cervello, in un esperimento condotto su modelli murini, i ricercatori hanno ristabilito la produzione delle molecole che rafforzano le connessioni tra le cellule cerebrali. In questo modo e’ stato possibile migliorare la memoria dei topi.

“Abbiamo identificato un nuovo percorso che regola direttamente le modalita’ di gestione delle informazioni e questo potrebbe avere una grande importanza nella comprensione e cura delle malattie del cervello”, ha detto Keith Murai, uni degli autori dello studio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi