Cinque anni di Legge 38: più luc…

Roma, 13 Marzo 2015 – “Le…

Glicemia: nuovo sistema per misu…

Le persone ammalate di di…

29 OTTOBRE 2009: V GIORNATA MOND…

Annunciato da Alice I…

Dal liquido amniotico cellule st…

Uno studio pubblicato su…

Sclerosi Multipla: attesi i risu…

La ricerca sulla sclerosi…

Le opinioni altrui hanno un'infl…

Anche se a tutti piace pe…

Epatite C: al vaglio dell'EMA l'…

Bristol-Myers Squibb ha a…

Cannabis legalizzata: ma in Colo…

In Colorado la proporzion…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Nuova terapia contro obesità e d…

Due professori credon…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stesso virus della passata stagione, è necessario vaccinarsi ugualmente?

coronavirusI SONDAGGI* DI WWW.OSSERVATORIOINFLUENZA.IT

Stesso virus della passata stagione, è necessario vaccinarsi ugualmente? 

Ancora dubbi sui benefici della vaccinazione, soprattutto se non c’è un cambiamento dei ceppi che compongono il virus dell’influenza

Gli specialisti: sbagliato credere che la vaccinazione influenzale non sia opportuna

Suggerimenti, consigli, pareri su www.osservatorioinfluenza.it

Milano, 24 novembre 2014 – L’influenza arriva puntualmente, ogni anno in questa stagione. Tuttavia, i ceppi che compongono il virus dell’influenza 2014/15 non sono variati rispetto allo scorso anno.

Osservatorioinfluenza.it ha indetto un sondaggio per chiedere agli utenti se il virus immutato possa determinare una minor adesione alla campagna vaccinale.

Tra coloro che hanno preso parte al sondaggio, il 39% pensa che la vaccinazione debba essere fatta comunque per proteggersi dall’influenza; il 43% ritiene si possa evitare, dal momento che il virus non è mutato rispetto allo scorso anno; il 13,4% crede che il ‘virus sarà più aggressivo’; il 4,6% che ‘ci saranno meno malati’.

 

I risultati sottolineano, purtroppo e nonostante le campagne di sensibilizzazione, come non sia ancora evidente l’importanza che una buona copertura vaccinale riveste per tutta la popolazione, categorie a rischio in primis.

 

“Vaccinarsi è importante per due principali motivichiarisce il prof. Fabrizio Pregliasco, virologo presso il Dipartimento Scienze biomediche per la salute dell’Università degli Studi di Milano. “Il primo per evitare di ammalarsi: anche se i virus rimangono immutati non vuol dire che non ci si possa ammalare, il secondo per creare una barriera alla diffusione del virus stesso. Se la copertura vaccinale si estende sulla popolazione la diffusione di fatto viene impedita, con ripercussioni positive su tutte le comunità, un risparmio in termini di costi sanitari e una riduzione di complicanze per coloro che, avendo altre patologie (cardiopatie, BPCO, diabete) devono limitare il rischio di infezioni respiratorie”.

La campagna vaccinale è iniziata in tutta Italia. La vaccinazione può essere fatta entro il mese di dicembre e permetteunaprotezione fin dal decimo giorno dall’effettuazione. Per consigli, suggerimenti, domande o dubbi è opportuno rivolgersi al proprio medico di fiducia.

 

www.osservatorioinfluenza.it ha ottenuto l’endorsement della SIMVIM (Società Italiana di Medicina di Viaggi e delle Migrazioni) e della SITECS (Società Italiana di Terapia Clinica e Sperimentale) nonché il Patrocinio del Ministero della Salute.

 

www.osservatorioinfluenza.it, sito web interamente dedicato all’influenza è interattivo: oltre a notizie scientifiche, curiosità e suggerimenti, dispone di un pool di esperti, dalvirologo al medico di medicina generale, dal pediatria al geriatria: gli specialisti sono a disposizione e supporto per rispondere in maniera personalizzata ad ogni quesito verrà loro rivolto.

 

 

*I sondaggi svolti da Osservatorioinfluenza.it non hanno valenza statistica; sono un “termometro” degli utenti del sito sui temi proposti dal board.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!