Dengue: zanzare modificate per c…

Scienziati australiani ha…

Polmonite: l'uomo più a rischio …

Basta prendere in giro gl…

La proteina a guardia dell'integ…

Una nuova ricerca ha chia…

Febbre tifoidea: ottimi risultat…

Sono positivi i risultati…

Quale influenza hanno avuto le i…

Centomila anni fa la popo…

IL RUOLO DELLA AUTOIMMUNITÀ TIRO…

Kris Poppe*, Brigitte V…

CCSVI: nasce l’Associazione Nazi…

VENERDI’ 9 APRILE 2010: L…

Scoperta la molecola della buona…

La voglia di fare, la mot…

Cellule staminali ringiovanite p…

[caption id="attachme…

Ipertensione: se il sonno è dis…

Un anziano che soffre di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Batteri resistenti: sviluppato trattamento contro il fenomeno

Sperimentato con successo un nuovo trattamento molto piu’ efficace degli antibiotici tradizionali nell’inibire la crescita di batteri resistenti ai farmaci, tra cui i cosiddetti “superbatteri” che affliggono gli ospedali e e le case di cura.

Ad annunciarlo e’ stato un gruppo di ricercatori del Center for Vaccine Research della University of Pittsburgh in uno studio pubblicato sulla rivista Antimicrobial Agents and Chemotherapy. ultrabacteriaI ricercatori hanno sviluppato una versione sintetica e piu’ efficiente di una sequenza di aminoacidi simili a quelli presenti sulla “coda” di una proteina di superficie del virus dell’Hiv, quella che permette di entrare e infettare le cellule.

In pratica gli studiosi hanno creato in laboratorio i cosiddetti peptidi antimicrobici cationici (Ecaps), i cui effetti sono stati testati su 100 diversi ceppi batterici isolati dai polmoni di pazienti pediatrici affetti da fibrosi cistica. I risultati sono stati paragonati agli effetti della colistina, uno degli antibiotici standard piu’ potenti, e di un peptide antimicrobico naturale (LL37) .

LL37 e la colistina hanno inibito la crescita dei ceppi batterici del 50 per cento, dimostrando un elevato livello di resistenza batterica a questi farmaci. Al contrario i due Ecaps hanno inibito la crescita dei cappi batterici di circa il 90 per cento. “Siamo rimasti molto colpiti delle prestazioni dei due Ecaps rispetto ad alcuni dei farmaci piu’ attuali”, ha detto Ronald C. Montelaro, autore principale dello studio. “Tuttavia, abbiamo ancora bisogno di sapere per quanto tempo gli Ecaps sono efficaci prima che i batteri

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!