Cellule staminali cordonali cont…

Le cellule prelevate dal …

Ghiandole sudoripare accelerano …

La pelle umana contiene …

Blefaromix: nuova "saga" di inte…

Togliere la patina di…

Assegnato il Nobel per la Chimic…

[caption id="attachment_9…

A volte ritornano: tra il 9 e il…

Roma, lunedì 13 ottobre…

Citochine: alti livelli preditti…

Un gruppo di studiosi del…

Retinopatia diabetica interessa …

La retinopatia diabetica,…

Polmonite: l'uomo più a rischio …

Basta prendere in giro gl…

Sindrome da stanchezza cronica: …

La sindrome da stanchezz…

Parkinson: novità terapeutiche a…

Cellule staminali umane e…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Enzima responsabile delle rughe: scoperto dopo un esperimento durato 20 settimane

Un gruppo di ricercatori della University of British Columbia ha scoperto il segreto di una pelle libera dalle rughe, aprendo la strada allo sviluppo di creme e trattamenti contro l’invecchiamento.


In un esperimento durato 20 settimane, gli studiosi hanno trovato che i topi privati dell’enzima Granzyme-B invecchiano significativamente di meno rispetto ai topi che hanno l’enzima. Non solo, i ricercatori hanno scoperto che i topi senza Granzyme-B avevano la pelle visibilmente piu’ liscia e il collagene piu’ intatto.  La scoperta, pubblicata sulla rivista Aging Cell, e’ stata fatta per caso, mentre i ricercatori stavano studiando il ruolo di Granzyme-B nell’aterosclerosi e nell’infarto. E’ solo durante l’esperimento che i ricercatori si sono accorti della diversa qualita’ delle pelle dei topi. “Eravamo interessati all’invecchiamento dei vasi sanguigni,”, ha detto David Granville, autore dello studio. “Non avevamo idea che l’assenza di questo enzima avrebbe avuto effetto sulla loro pelle”, ha aggiunto. Per arrivare a questi risultati i ricercatori hanno realizzato un lettino abbronzante sperimentale per simulare la esposizione al sole sui topi. Ogni topo e’ stato messo in una specie di “giostrina” sotto lampade UV, esponendolo per tre o quattro minuti, tre volte alla settimana, abbastanza per causare arrossamento.

Dopo 20 settimane di esposizione ripetuta, e’ stato possibile osservare che la pelle dei topi privi di Granzima B era invecchiata molto meno e il loro collagene era più integro rispetto ai gruppi di controllo dei topi. Ora i ricercatori stanno lavorando allo sviluppo di farmaci in grado di bloccare Granzyme-B nella speranza di lanciarli molto presto sul mercato. “Abbiamo generato inibitori naturali e sintetici di questo enzima”, ha detto Granville.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!