L'ormone FSH, promettente marcat…

[caption id="attachment_9…

[Assogenerici] Leggi superflue p…

La proposta di legge sui…

L'impegno del cervello per senti…

Sono stati identificati i…

Microchirurgia innovativa per st…

[caption id="attachment_7…

Tumori: il vaccino HPV dalle pro…

[caption id="attachment_6…

Malattia di Huntington: ancora n…

L’attuale mancanza di una…

Al via la chirurgia del diabete …

[caption id="attachme…

Malattia umana di un organo ricr…

I ricercatori dell'Univer…

Infezioni vie urinarie: l'odore …

Quando la pipi' del bimb…

Tumori al seno: test genetico, t…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Proficuo incontro del Ministro della Salute con AssoGenerici

assogenerici-scritta-sotto-logoRoma 11 dicembre 2014. Si è svolto ieri un incontro tra il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e una delegazione di AssoGenerici. Nel corso del colloquio, AssoGenerici ha avuto modo di condividere alcune dinamiche del comparto del farmaco all’interno del nostro paese.


Il primo è che le difficoltà e le differenze a livello regionale nell’utilizzo dei farmaci biosimilari di fatto conducono ad un accesso ineguale dei cittadini ai trattamenti con biotecnologici di alta qualità. D’altro lato, ed è il secondo aspetto cruciale, permangono nell’ordinamento italiano alcune previsioni normative che diminuiscono la competitività dell’industria nazionale “costituita in larga misura – il 46% – da piccole medie imprese che si sono conquistate l’apprezzamento dei mercati internazion ali per know-how e qualità ma restano strozzate da vincoli regolatori e di concorrenza rispetto ai competitori internazionali. Un fatto grave se si considera che il fatturato della farmaceutica italiana dipende per oltre il 65% dall’esportazione, rispetto a una media europea del 30%” dice Enrique Hausermann, Presidente di AssoGenerici

Due fattori che rischiano di compromettere la sostenibilità del SSN e la maggiore disponibilità di cure allo stato dell’arte offerte dalla prossima scadenza del brevetto di molti anticorpi monoclonali, capisaldi nel trattamento di malattie neoplastiche e immunitarie,che oggi sviluppano una spesa pari a 2 miliardi di € l’anno“.
Per noi è importante che il Ministro Lorenzin abbia condiviso gli elementi di questa analisi, in particolare sulla eccessiva  variabilità nell’impiego dei biosimilari a livello regionale“ dice Francesco Colantuoni, Vicepresidente AssoGenerici e Coordinatore dell’Italian Biosimilar Group. “Da parte nostra siamo consapevoli che rimuovere questi ostacoli richiede innanzitutto il coinvolgimento della comunità medica e delle organizzazioni dei pazienti anche attraverso la raccolta di dati tratti dall’esperienza clinica quotidiana con i farmaci biotecnologici nell’ambito di categorie ad elevato impatto di spesa, un lavoro facilmente realizzabile utilizzando per esempio i nuovi registri di monitoraggio AIFA”. Il ministro Beatrice Lorenzin ha definito costruttivo l’incontro e ha dichiarato: “E’ un comparto in crescita nel nostro Paese e dobbiamo sostenerne le potenzialità future e l ’export”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: