[video]La TOP 10 delle scienze 2…

[caption id="attachment_5…

Tumori: fotoimmunoterapia e anti…

La luce potrebbe aiutare …

Sativex approvato dall'autorità …

Il Sativex, farmaco a bas…

A ciascun bambino il suo Natale

I consigli e le raccomand…

Anoressia: avanzano nuove ipotes…

Dal lavoro scientifico di…

La differenza di genere esiste a…

La differenza di genere n…

La colonscopia si tinge di blu

Tra le novità prese…

Nanoparticelle d'oro per misurar…

Nel corso delle epidemie …

Secukinumab primo farmaco biolog…

Secukinumab di Novartis è…

Per un cuore sano, oltre a coles…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

TachoSil®, eccellenza dei farmaci sigillanti in chirurgia, festeggia 10 anni di successi per i pazienti e la classe medica

takedaNumerosi studi clinici e una recente revisione sistematica dimostrano l’importanza di TachoSil® come trattamento di supporto negli interventi chirurgici per migliorare l’emostasi e sigillare i tessuti quando le tecniche standard sono insufficienti.

In occasione dell’evento celebrativo per festeggiare i 10 anni della matrice medicata Takeda Italia ha donato ad Emergency una fornitura di farmaco emostatico e sigillante per la chirurgia senza sangue e un assegno da €10.000.

Roma, 15 Dicembre 2014 – Si è svolto il 12 dicembre a Roma l’evento celebrativo di TachoSil®, la matrice medicata ad uso ospedaliero presente da ben 10 anni all’interno del panorama chirurgico italiano. Dal 2004, anno in cui TachoSil® ha ottenuto dalla Commissione Europea l’autorizzazione all’immissione in commercio, le procedure chirurgiche hanno compiuto evoluzioni tecnologiche importanti migliorando significativamente gli outcome clinici in situazioni patologiche differenziate.


In questi 10 anni, TachoSil® è stato testato in più di 300 studi clinici ed in diverse tipologie di chirurgia – addominale, toracica, polmonare, cardiovascolare, renale, urologica e ginecologica – e ha dimostrato una diminuzione del tempo di emostasi, una riduzione delle complicanze post-operatorie e della relativa degenza ospedaliera. Con l’obiettivo di analizzare il ruolo dei farmaci emostatici e sigillanti utilizzati in chirurgia e approfondirne i numerosi aspetti (farmacologici, di economia sanitaria, clinici e di gestione del rischio, implicazioni organizzative) il giorno seguente, il 13 dicembre, si è svolto il corso ECM “10 anni di eccellenze in Chirurgia” rivolto a chirurghi, farmacisti ospedalieri e manager sanitari e realizzato con il contributo incondizionato di Takeda Italia.

Il tema del controllo dell’emorragia e delle fistole postoperatorie è uno dei più dibattuti in chirurgia generale in particolare in settori rilevanti quali la chirurgia dei traumi, quella epatopancreatica e demolitiva oncologica” afferma il Prof. Marco Montorsi, Direttore Dipartimento di Chirurgia Generale Istituto Clinico Humanitas, IRCCS, Rozzano (MI). ”Oggi sono disponibili farmaci – testati anche in studi randomizzati – che hanno un profilo specifico volto all’efficace controllo di questi eventi e che sono in grado di aiutare il chirurgo in situazioni impegnative ottenendo un generale miglioramento dell’outcome dell’intervento”.

TachoSil® è un farmaco emostatico e sigillante con fibrinogeno e trombina  su matrice di collagene per il sigillo tessutale e l’emostasi negli interventi chirurgici: viene usato per fermare il sanguinamento e per sigillare le superfici degli organi interni. Agisce anche come supporto alla sutura nella chirurgia vascolare ed è usato su pazienti adulti, quando le tecniche standard sono insufficienti.

TachoSil® si confronta in un mercato – quello degli emostatici locali e sigillanti chirurgici – dove, purtroppo, la letteratura e le pubblicazioni relative al loro potenziale impatto economico, presentano spesso errori metodologici e basso rigore di conduzione” dichiara il Prof. Giorgio Colombo, Docente di organizzazione aziendale presso il Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi di Pavia. “Tutto questo determina per i nostri operatori e decisori pubblici – chirurghi e farmacisti – una criticità ad operare una scelta in chiave di costo-efficacia all’interno di una logica crescente di sostenibilità della spesa del nostro servizio sanitario nazionale”.

Da una revisione sistematica di 24 studi scientifici della letteratura internazionale emerge l’importanza di TachoSil® come trattamento di supporto negli interventi chirurgici per migliorare l’emostasi e sigillare i tessuti quando le tecniche standard sono insufficienti. Gli studi clinici condotti su un totale di 2.116 pazienti sottoposti a chirurgia epatica, cardiaca o renale (1.055 dei quali trattati con TachoSil®) hanno dimostrato una riduzione del tempo di emostasi (da 1 a 4 minuti) associata all’utilizzo della matrice medicata rispetto al tempo misurato con altre tecniche e farmaci emostatici. Inoltre, 15 studi condotti su 1.470 pazienti sottoposti a chirurgia polmonare, epatica, renale, cardiaca, o gastrica (738 dei quali sono stati trattati con TachoSil®) hanno mostrato una riduzione statisticamente significativa delle complicanze post-operatorie e questo si è tradotto in una conseguente diminuzione della degenza ospedaliera – da 2,01 fino a 3,58 giorni in meno – rispetto alla procedura chirurgica standard.

L’utilizzo di questo farmaco emostatico e sigillante ha anche implicazioni economiche dal momento che due studi clinici randomizzati hanno dimostrato che l’uso di TachoSil® in chirurgia polmonare ha generato un risparmio dai 98 ai 205 euro per paziente, rispetto alle tecniche standard. Anche la diminuzione di 4 minuti del tempo di emostasi ha un impatto economico perché si traduce in una riduzione di tempo e di personale medico-sanitario impiegato per la gestione del paziente. Infine, ulteriori revisioni sistematiche confermano che TachoSil® aiuta anche a ridurre il numero di trasfusioni di sangue necessarie.

Utilizzare strumenti che limitino il rischio di emorragie intra e post-operatorie è uno degli obiettivi della chirurgia senza sangue definita anche chirurgia “bloodless”. Con questa tecnica si riesce a diminuire la durata degli interventi, il dolore e la quantità di farmaci somministrati, oltre ad evitare emorragie. Una soluzione alternativa, ad esempio, per i pazienti anziani sotto cure anticoagulanti, e quindi a rischio, ma anche per gli interventi di urgenza praticati dai medici nelle zone di guerra, come quelle in cui è presente Emergency. E proprio l’associazione umanitaria ha ricevuto, in occasione delle celebrazioni del decennale di TachoSil®, una donazione da parte di Takeda Italia: una fornitura di farmaco emostatico e sigillante per la chirurgia senza sangue, strumenti essenziali quando si opera in zone ad alto rischio per arrestare il sanguinamento evitando pericolose emorragie e infezioni, e un assegno del valore di €10.000,00 a sostegno delle iniziative che Emergency realizza presso gli ospedali di Afghanistan, Sierra Leone, e Repubblica Centrafricana.

Come azienda impegnata nel settore della ricerca siamo lieti di festeggiare il decennale di TachoSil” – afferma Michele Blasco, Medical & Regulatory Director, Takeda Italia – “uno dei farmaci più utilizzati e sperimentati per l’emostasi e per il quale abbiamo ricevuto, a settembre, l’autorizzazione dalla Commissione Europea per la formulazione pre-arrotolata, da utilizzare nelle tecniche chirurgiche laparoscopiche. In questa occasione speciale” – conclude Michele Blasco – “Takeda è orgogliosa di poter offrire il proprio contributo ai medici di Emergency, uomini e donne che tra mille difficoltà cercano di offrire cure medico-chirurgiche alle vittime delle guerre e alle persone che vivono in condizioni di povertà”.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x