Come la mamma trasmette l''odore…

La paura? E' nell'aria. I…

"Tintarella naturale" con frutta…

Ciò che mangi ti si legge…

Trapianto autologo cellule stami…

Significativi i miglioram…

TEVA annuncia sentenza favorevol…

GERUSALEMME(BUSINESS WIRE…

Nuovo approccio per la terapia a…

[caption id="attachment_1…

Calcoli renali: arriva dallo spa…

Una tecnica in uso per gl…

Progetto Italian ePAQ : incontin…

Arriva in Italia uno stru…

Lo iodio, catalizzatore 'ecologi…

[caption id="attachment_7…

Il cervello come reagisce ad un …

Metà degli ultrasessanten…

Metalli pesanti nei cosmetici: a…

Una nuova ricerca riv…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Evitare le troppe sostituzioni di medicinali? Non è questione di leggi

assogenerici-scritta-sotto-logoRoma, 22 gennaio 2015 – AssoGenerici comprende le preoccupazioni rappresentate da Federanziani a proposito del cosiddetto zapping farmaceutico, ma non condivide la proposta di modificare le norme sulla sostituibilità. “Le diverse norme oggi in vigore disegnano un quadro molto chiaro” dice Enrique Häusermann, presidente di AssoGenerici.


“Se il medico appone la dicitura “non sostituibile” il farmacista non può dispensare un farmaco differente da quello prescritto, mentre se non c’è questa indicazione può sostituire il farmaco solo se ne esiste in commercio un altro equivalente a un prezzo più basso. Se il medico indica un preciso farmaco equivalente – indicando molecola e produttore – il farmacista non ha alcun motivo o possibilità di consegnare un altro medicinale, in quanto i generici hanno di norma il medesimo prezzo.

Infine, se si indica soltanto la molecola, il farmacista può consegnare il generico di cui dispone. Mantenere la possibilità di indicare il solo principio attivo” prosegue il presidente di AssoGenerici “appare come una misura razionale, nel momento per esempio in cui si prescrive un farmaco per condizioni acute o quando si instaura una nuova terapia, nel qual caso la cosa più importante è avviare subito l’assunzione del medicinale. Siamo certi che il farmacista non abbia difficoltà a consegnare il medesimo medicinale anche alle successive prescrizioni, soprattutto considerando che in Italia, in particolare tra la popolazione anziana, è fortunatamente diffus a la figura del “farmacista di fiducia”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi