Bambino di 6 anni morto di malar…

Dichiarazione della Prof.…

Tumori: il Veneto prima regione …

Per scoprire un tumor…

Crio-chirurgia con tecnica minii…

Un'equipe multidisciplina…

Alzheimer: ecco come la caffeina…

Scoperto il motivo per cu…

Boehringer Ingelheim annuncia i …

 L’80% dei pazienti …

Creato topolino ossessivo per st…

[caption id="attachment_7…

Vietare il fumo anche in auto, i…

'I nostri figli inizian…

Pediatri di famiglia: SIP, così …

La FIMP avvia un sondaggi…

Verso la fertilità degli ovuli o…

Se le autorità britannich…

Legumi ottimi deterrenti per tum…

Mangiare almeno tre volte…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria: l’efficacia di un farmaco già esistente, ma utilizzato per altro

Un farmaco gia’ approvato per il trattamento di altre malattie potrebbe essere utile per combattere la malaria cerebrale.


Dopo aver scoperto che la leptina – un ormone secreto dal tessuto adiposo con lo scopo si sopprimere l’appetito, ma anche attivo nelle risposte immunitarie adattive e antinfiammatorie – svolge un ruolo importante e negativo nella promozione dei sintomi neurologici e nella morte, un gruppo di ricercatori Harvard T.H. Chan School of Public Health ha suggerito che e’ possibile utilizzare la rapamicina, gia’ approvata per il trattamento di altre malattie, per inibire la proteina mTor, che viene attivata quando la leptina agisce sulle cellule T citotossiche.malaria
In uno studio su modelli murini, descritto sulla rivista Nature Communications, i ricercatori hanno scoperto che la rapamicina e’ in grado di offrire una protezione dalle complicazioni neurologiche della malaria cerebrale.

Questa protezione e’ dovuta in parte al fatto che la barriera ematoencefalica viene preservata, impedendo l’ingresso delle cellule del sangue che trasportano il parassita responsabile della malattia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi