Melanomi: il 'sildenafil' (viagr…

Il Viagra, la pillola blu…

Nasce il network della ricerca c…

Stadler (Grünenthal Ita…

Distrofia muscolare di Duchenne:…

[caption id="attachment_7…

La SIPPS lancia l’allarme: con i…

La Società Italiana di Pe…

All'Istituto dei Tumori 'Accogli…

Inaugurato oggi insieme a…

Interpretare e guarire il dolore…

Gli specialisti apprender…

Epatite C: al vaglio dell'EMA l'…

Bristol-Myers Squibb ha a…

Malattie cardiache: prima causa …

"Sorpasso" delle malattie…

Sordita': danno ossidativo causa…

La perdita dell'udito che…

Ebola: epidemia incontrollabile …

L'epidemia non è sotto co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria: l’efficacia di un farmaco già esistente, ma utilizzato per altro

Un farmaco gia’ approvato per il trattamento di altre malattie potrebbe essere utile per combattere la malaria cerebrale.


Dopo aver scoperto che la leptina – un ormone secreto dal tessuto adiposo con lo scopo si sopprimere l’appetito, ma anche attivo nelle risposte immunitarie adattive e antinfiammatorie – svolge un ruolo importante e negativo nella promozione dei sintomi neurologici e nella morte, un gruppo di ricercatori Harvard T.H. Chan School of Public Health ha suggerito che e’ possibile utilizzare la rapamicina, gia’ approvata per il trattamento di altre malattie, per inibire la proteina mTor, che viene attivata quando la leptina agisce sulle cellule T citotossiche.malaria
In uno studio su modelli murini, descritto sulla rivista Nature Communications, i ricercatori hanno scoperto che la rapamicina e’ in grado di offrire una protezione dalle complicazioni neurologiche della malaria cerebrale.

Questa protezione e’ dovuta in parte al fatto che la barriera ematoencefalica viene preservata, impedendo l’ingresso delle cellule del sangue che trasportano il parassita responsabile della malattia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!