Malattie mitocondriali: si valut…

Scoperto un potenziale b…

Stamina: morta Sofia, bambina af…

"E' morta la prima bamb…

Inasprito un parassita (Trichomo…

Un piccolo virus a RNA a …

Lo studio clinico LUME-Ovar-1 di…

Boehringer Ingelheim ha a…

Le sigarette veicolano ceppi bat…

Le sigarette sono "ampiam…

Alzheimer: ecco come la caffeina…

Scoperto il motivo per cu…

Test predittivo per la risposta …

Chiamato BH3 profiling, v…

Cancro alla prostata: aggiungere…

[caption id="attachment_…

Calvizie: nuovo metodo con la ri…

Metodo innovativo per s…

GIUSEPPE MELE, PRESIDENTE FIMP: …

Roma, 27 Ottobre 2012 - "…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 1, più a rischio morte le donne

Le donne con il diabete di tipo 1 hanno circa il 40 per cento di probabilita’ in piu’ di morire rispetto agli uomini affetti dalla stessa malattia.


Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio della The University of Queensland, in Australia, pubblicato sulla rivista The Lancet Diabetes.diabete I ricercatori hanno analizzato i dati provenienti da studi precedenti che hanno coinvolto piu’ di 200mila persone con il diabete di tipo 1, concentrando la loro attenzione sui tassi di mortalita’ legati al sesso degli ultimi 50 anni, a partire dal gennaio del 1966. In pratica sono stati presi in considerazione 26 studi diversi.

Dai risultati e’ emerso che il gentil sesso con il diabete di tipo 1 ha un rischio piu’ elevato del 37 per cento di morire per qualsiasi causa rispetto agli uomini affetti dalla stessa condizione. In particolare, le donne hanno quasi il doppio delle probabilita’ di sviluppare o morire di malattie cardiovascolari.

Il gentil sesso che convive con questa forma di diabete, le cui cause sono ancora sconosciute, ha il 37 per cento di rischio in piu’ di avere un ictus e il 44 per cento di morire per malattia renale, rispetto agli uomini. La maggior mortalita’ delle donne con il diabete di tipo 1, secondo i ricercatori, potrebbe essere dovuta al minor controllo dei livelli di glucosio nel sangue e alla difficolta’ nella gestione dell’insulina. “La marcata differenza tra i sessi per le malattie cardiache legate al diabete di tipo 1 puo’ avere profonde implicazioni su come gestire e trattare le affette da questa patologia”, ha concluso Rachel Huxley, autrice principale dello studio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi