Alzheimer: decisiva l'iperintens…

Scoperto un ulteriore fa…

Asma bronchiale: nuova tecnica s…

Una nuova tecnica per il …

Malaria: scoperte mutazioni gene…

Scoperte le mutazioni gen…

Tumori: fotoimmunoterapia e anti…

La luce potrebbe aiutare …

Dalla NASA, un naso che individu…

[caption id="attachment_4…

Alzheimer: una nuova proteina gu…

[caption id="attachme…

La "sesta base" del DNA e le spe…

Quella che è stata battez…

Scienziati scoprono meccanismo d…

Scienziati provenienti da…

Tumore del colon: sospetti su ju…

Uno studio scozzese ind…

Melanoma: nel potenziale di memb…

Un cambiamento nel potenz…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Superager, persone anziane col cervello da giovani: scoperto il loro segreto

Nonostante abbiano gia’ soffiato su ottanta candeline, hanno il cervello di un cinquantenne. La loro pelle invecchia, ma le loro capacita’ cognitive sono come quelle delle persone giovani.


Sono i cosiddetti “Superager”, anziani con il cervello giovane, e ora un nuovo studio ha svelato il mistero di queste abilita’ uniche. Un gruppo di ricercatori della Northwestern University Feinberg School of Medicine ha paragonato i cervelli di questi Superager a quelli degli anziani normali. cervelloEbbene, il cervello dei primi condivide tre caratteristiche che non hanno quello degli anziani normali: una regione della corteccia piu’ spessa, molti meno grovigli (uno dei marcatori piu’ significativi del morbo d’Alzheimer) e una quantita’ estremamente alta di alcuni specifici neuroni legati a una maggiore intelligenza sociale che si chiamano neuroni di von Economo.

“Il cervello dei Superager e’ cablato in modo diverso o ha differenze strutturali rispetto a quello dei normali individui della stessa eta'”, ha detto Changiz Geula, che ha coordinato lo studio pubblicato sul Journal of Neuroscience. “Puo’ essere un fattore, come l’espressione di un gene specifico, o una combinazione di fattori che offrono protezione”, ha aggiunto.

Ora i ricercatori dispongono di un nuovo grant per continuare ala loro ricerca. “Identificare i fattori che contribuiscono alle inusuali capacita’ di memoria dei Superager – ha detto Tamar Gefen, altro autore dello studio – puo’ offrire nuove strategie per aiutare gli anziani ‘normali’ a mantenere la loro funzione cognitiva e per guidare lo sviluppo di nuove terapie per il trattamento di alcune forme di demenza”. I ricercatori sono convinti che a giocare un ruolo cruciale sono i neuroni di von Economo, presenti anche in specie animali come le balene, gli elefanti, i delfini e i primati.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi