Tumori: nanoparticelle per attac…

Pubblicati su Pnas i prim…

Tonsillectomia contro casi gravi…

La tonsillectomia per…

“Un mare di bambini” - 70° Congr…

Allergie, infezioni respi…

Nuova classe di farmaci per la c…

I ricercatori dell'Univer…

Pillola anticoncezionale alleata…

Meno vittime di cancro d…

Teva, tutte le risposte per la S…

Milano, 11 novembre 2014 …

Cancro alla prostata: il ruolo d…

E' un enzima a determinar…

Linfociti esausti tengono a bada…

Due distinti sottoinsiemi…

Colesterolo cattivo e malattie c…

Previene le problematiche…

Asma: arriva lo spray ad azione …

Secondo una recente ricer…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo: i bimbi vanno osservati per carpire segni di vulnerabilità

“Il bambino sorride a 4 mesi? Tra i due e i sei mesi segue con gli occhi gli oggetti o le persone?


A un anno di vita riesce a condividere un’esperienza rispetto a un gioco, un oggetto o un soggetto (attenzione congiunta)? Riconosce l’odore della madre, gradisce il tono della sua voce? Basta osservare i neonati per coglierne i segnali precoci di una possibile vulnerabilita'”.autismo A dare una risposta alle domande sara’ Stella Acquarone, direttrice del Parent Infant Clinic e della School of Infant Mental Health di Londra, in occasione del seminario internazionale dell’Istituto di Ortofonologia (Ido). In tale occasione verra’ presentata la ‘Pre-autistic Behaviour Scale’: uno strumento che la specialista utilizza da 30 anni per valutare nei minori dai 0 ai 4 anni i primi segni dei disturbi dello spettro autistico.

L’evento avra’ luogo a Roma, il 21 e 22 marzo, nell’Aula magna dell’Istituto comprensivo Regina Elena, in via Puglie 4a, dalle 9 alle 18. Verranno mostrati anche video e foto relativi ai casi clinici (a 6 mesi di eta’, a 18 mesi e a 24 mesi), prima e dopo l’intervento precoce.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!