Tumori: nanoparticelle per attac…

Pubblicati su Pnas i prim…

Tonsillectomia contro casi gravi…

La tonsillectomia per…

“Un mare di bambini” - 70° Congr…

Allergie, infezioni respi…

Nuova classe di farmaci per la c…

I ricercatori dell'Univer…

Pillola anticoncezionale alleata…

Meno vittime di cancro d…

Teva, tutte le risposte per la S…

Milano, 11 novembre 2014 …

Cancro alla prostata: il ruolo d…

E' un enzima a determinar…

Linfociti esausti tengono a bada…

Due distinti sottoinsiemi…

Colesterolo cattivo e malattie c…

Previene le problematiche…

Asma: arriva lo spray ad azione …

Secondo una recente ricer…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Che barba la barba! Antigienica e portatrice di batteri

Robert Pattison l’ha sfoggiata durante la premier del suo ultimo film e Ben Affleck la considera alla stregua di un portafortuna. Ma per quanto trendy e sexy possa essere, la barba e’ antigienica. Su di essa infatti si possono annidare batteri e germi in grado di diffondere infezioni.

Almeno secondo alcuni esperti interpellati dal quotidiano britannico MailOnline in un articolo dedicato all’argomento. Carol Walker, esperta del Birmingham Trichology Centre (Regno Unito), crede ad esempio che la barba sia una sorta di “spugna batterica” e un veicolo perfetto per trasmettere i germi agli altri.    “Tende a diventare riccia, ad avere curve e pieghe che intrappolano lo sporco”, ha spiegato. Inoltre, secondo l’esperta, sarebbe la stessa posizione sul viso a renderla antigienica: “vicino alle narici e alla bocca e’ ben posizionata per ospitare i batteri”, ha sottolineato.

Se la si tocca con le mani sporche o se si ha un raffreddore, la barba intrappola tutta la sporcizia aumentando le probabilita’ di sviluppare un’infezione della pelle o di trasmettere qualche batterio agli altri, magari con un bacio sulla guancia. La ricerca, in passato, ha infatti dimostrato che la barba puo’ diffondere i batteri. Manuel Barbeito, un microbiologo nell’esercito degli Stati Uniti nel 1960, lo sospettava da sempre. Tanto che ha condotto un esperimento sui suoi dipendenti; dopo aver chiesto loro di far crescere la barba, ha “spruzzato” su di essa alcuni batteri non infettivi.

Ebbene, i batteri si sono aggrappate alla barba e una semplice sciacquata del viso non e’ servita a eliminarli. In un altro studio, pubblicato sulla rivista Anaesthesia, Anthony Hilton dell’Aston University ha esaminato le mascherine utilizzate dai chirurghi per vedere se la barba potesse veicolare i batteri.
“Abbiamo scoperto – ha riferito – che gli uomini con la barba ospitano un numero significativo di batteri, piu’ degli uomini senza barba e piu’ delle donne. E i chirurghi barbuti con le mascherine fanno cadere verso l’esterno diversi microrganismi quando essi si insinuano nella loro barba”. .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!