Tumori: nanoparticelle per attac…

Pubblicati su Pnas i prim…

Tonsillectomia contro casi gravi…

La tonsillectomia per…

“Un mare di bambini” - 70° Congr…

Allergie, infezioni respi…

Nuova classe di farmaci per la c…

I ricercatori dell'Univer…

Pillola anticoncezionale alleata…

Meno vittime di cancro d…

Teva, tutte le risposte per la S…

Milano, 11 novembre 2014 …

Cancro alla prostata: il ruolo d…

E' un enzima a determinar…

Linfociti esausti tengono a bada…

Due distinti sottoinsiemi…

Colesterolo cattivo e malattie c…

Previene le problematiche…

Asma: arriva lo spray ad azione …

Secondo una recente ricer…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Studio clinico osservazionale sull’atrofia retinica

astrofia_retinicaRicerca italiana: presentazione in anteprima dei risultati positivi dello studio scientifico finalizzato a individuare strategie terapeutiche per questa patologia invalidante
“Incremento della funzionalità visiva in soggetti con atrofia retinica sottoposti a trattamento con farmaci della Medicina Low Dose”: questo il titolo dello studio clinico osservazionale condotto dal Dr. Pietro Luchetti – in fase di pubblicazione sulla rivista scientifica “Minerva Oftalmologica” – che presenta in anteprima i risultati della sua importante ricerca clinica.

Si tratta infatti di un lavoro di grande interesse, perché apre la strada per una possibile terapia per questa patologia: attualmente non esiste una soluzione terapeutica consolidata efficace per la cura delle forme atrofiche retiniche che costituiscono spesso lo stadio terminale di molte patologie retiniche.
Nell’ambito della Medicina Low Dose sono disponibili numerose molecole, in varie formulazioni, in grado di essere potenzialmente utili per la terapia rigenerativa di queste forme patologiche. Scopo di questo studio – di cui sono stati osservati e valutati pazienti di età compresa fra i 18 ed i 70 anni, tutti presentanti una forma severa di atrofia retinica , centrale o periferica – è stato quello di valutare il miglioramento iniziale della condizione clinica dopo la terapia con farmaci assunti, per via iniettiva e sublinguale, in grado di favorire una fase rigenerativa delle cellule retiniche. L’analisi dei risultati ha quindi permesso di evidenziare la notevole significatività statistica degli incrementi di risposta ottenuta dopo il periodo di terapia. A oggi infatti i trattamenti con farmaci low dose costituiscono la più promettente strategia terapeutica per la rigenerazione retinica dopo atrofie retiniche.

Lo studio verrà presentato sabato 7 marzo in occasione del Club dell’Omotossicologia – una due giorni di fitti incontri che vedrà riuniti medici ed esperti nelle medicine complementari per condividere e dibattere degli esiti delle proprie ricerche e dei risultati delle proprie esperienze cliniche – organizzato dall’A.M.I.O.T. – Associazione Medica Italiana di Omotossicologia – che si svolgerà a Rimini il 7/8 marzo 2015 presso il Grand Hotel di Rimini.

A proposito di A.M.I.O.T.
L’A.M.I.O.T. – Associazione Medica Italiana di Omotossicologia – è attualmente l’Associazione Medica più rappresentativa a livello nazionale sul tema della Medicina Omotossicologica e dei Bassi Dosaggi. Erede di una tradizione trentennale nel campo della ricerca e della formazione sui temi della Medicina Biologica, contribuisce ogni anno alla formazione di migliaia tra Medici e Farmacisti Italiani. Sito web www.medibio.it

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!