Altroconsumo: le nuove pillole a…

[caption id="attachme…

Emicrania: legata ad una mutazio…

Identificata una muta…

Diabete di tipo 2: la Commission…

·         Empagliflozin…

Allarme “neuro-recessione”: il 6…

DAL 22 AL 25 OTTOBRE A TO…

Cancro: identificata molecola ch…

Identificata una molecola…

Sindrome premestruale: il Ferro …

Assumere ferro potrebbe …

Addio agli occhiali con il laser…

Busto Arsizio (VA), giugn…

Terapia steroidea in artrite reu…

Il nuovo sistema a rilasc…

Infarto: un nuovo e sensibilissi…

La nuova metodica ha perm…

LILT: la solidarietà si veste di…

Giorgia Surina madrina de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ridurre il peso della burocrazia sulla ricerca serve alla medicina e all’economia italiane

FofiRoma, 12 maggio 2015 – “Se si vuole costruire in Italia un ambiente favorevole alla sperimentazione clinica occorre eliminare al più presto gli aspetti che rendono macchinosa e complessa questa attività senza apportare alcun vantaggio né ai fini della sicurezza né ai fini della validità scientifica e dell’eticità delle sperimentazioni stesse” dice Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. “Va quindi appoggiato senza riserve l’appello del professor Luca Pani, direttore generale dell’AIFA, di passare in tempi rapidi alla creazione di un unico Comitato Etico nazionale.


Non solo perché la nuova normativa europea in materia rende inevitabile questo passaggio, ma perché un apparato di oltre 90 comitati etici finisce per essere un freno notevole, anche dal punto di vista economico, alla conduzione nel nostro paese di quei grandi studi clinici ai quali l’Italia potrebbe invece offrire autentiche eccellenze a livello Europeo e Mondiale.

Ritengo che tutti i professionisti sanitari italiani debbano sostenere questa richiesta accanto al mondo della ricerca e dell’industria: ne va dell’evoluzione della medicina in Italia ma anche dell’economica del paese” conclude Mandelli.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi