Congresso sindacale Fimp: il per…

Roma, 16 Aprile - Parteci…

Sindrome di Joubert: uno studio …

[caption id="attachment_6…

L'appetito regolato dalle cellul…

Producendo una particolar…

Un approccio molecolare per limi…

[caption id="attachme…

Veleno di lumaca: scoperto il me…

Gli scienziati sono riusc…

Dalle staminali ricostruite ossa

[caption id="attachme…

Cellule staminali: scoperto il g…

Scienziati americani …

Intervento di ablazione ventrico…

Nuovo passo avanti de…

Rete neurale comune a tutti i ve…

A dispetto della vasta ga…

[Pediatria] Primavera e sbalzi d…

I CONSIGLI DEL PEDIATRA …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

#Marijuana: poche evidenze positive dopo l’utilizzo terapeutico del principio attivo

Nonostante l’uso terapeutico della marijuana sia legalizzato in 23 stati americani e in molti altri si ipotizza di fare altrettanto, ci sono pochissime evidenze scientifiche che dimostrano la sua efficacia nell’alleviare i sintomi di alcune malattie.


Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio della University of Bristol, pubblicato sul Journal of the American Medical Association. Lo studio ha valutato i risultati di 79 ricerche precedenti che hanno coinvolto un totale di 6.500 volontari.cannabis
Dai risultati dell’analisi e’ emerso che le evidenze a favore della marijuana sono molto deboli. E’ stata infatti rilevata una debole associazione tra l’uso di cannabinoidi e il trattamento del dolore cronico.

Ancora piu’ debole gli effetti contro nausea e vomito nei pazienti in chemioterapia, affetti da disturbi del sonno o con la sindrome di Tourette. Di moderata intensita’ sono invece risultati gli effetti contro il trattamento del dolore neuropatico cronico, il cancro e le contrazioni muscolari provocate dalla sclerosi multipla. Al contrario, secondo i ricercatori, sono piu’ forti le evidenze sugli effetti collaterali della marijuana.

In particolare, i cannabinoidi sono stati associati all’insorgenza di vertigini, secchezza delle fauci, nausea, stanchezza, euforia, vomito, disorientamento, sonnolenza, confusione, perdita di equilibrio e allucinazioni.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x