Studio mostra la mobilita' verso…

[caption id="attachment_9…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

Celiachia: nuova pasta "gluten f…

La nuova frontiera per ch…

Peptide antibatterico prossima a…

[caption id="attachment_8…

Infiammazioni intestinali: prote…

La malattia infiammatoria…

Disturbi come depressione, schiz…

Uno studio su 61mila indi…

Schizofrenia: progetto europeo d…

[caption id="attachment_9…

Il tavolo con l’AIFA apre un per…

Su tutti i temi cruciali …

Linee di condotta per la profila…

Roma, 26 novembre 2013 –…

Dermatite atopica: l'allergia co…

L'effetto è mediato dalla…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

#Coronavirus: pronto un farmaco in grado di neutralizzare il virus SarsCov2, ma ci vorranno mesi per testarlo su uomini

E’ stato messo a punto il primo farmaco specializzato per aggredire il coronavirus Sars-CoV2. E’ un anticorpo monoclonale, specializzato nel riconoscere la proteina che il virus utilizza per aggredire le cellule respiratorie umane.

La ricerca è pubblicata sul sito BioRxiv dal gruppo dell’Università olandese di Utrecht guidato da Chunyan Wang. I ricercatori hanno detto alla Bbc che saranno necessari mesi prima che il farmaco sia disponibile perché dovrà essere sperimentato per avere le risposte su sicurezza ed efficacia.

Legandosi alla proteina Spike, che si trova sulla superficie del coronavirus, l’anticorpo monoclonale le impedisce di agganciare le cellule e in questo modo rende impossibile al virus di penetrare al loro interno per replicarsi. Per questo motivo i ricercatori sono convinti che l’anticorpo ha delle potenzialità importanti “per il trattamento e la prevenzione della Covid 19”.

I ricercatori stavano già lavorando a un anticorpo contro la Sars quando è esplosa l’epidemia di Covid-19 o Sars2 e si sono resi conto che gli anticorpi efficaci contro la prima malattia riuscivano a bloccare anche la seconda.
Gli studi sono ancora in corso e l’anticorpo deve essere sottoposto a test molto rigorosi, ma i ricercatori sperano di convincere una compagnia farmaceutica a produrlo. Tutto questo, secondo gli scienziati di Utrecht, richiederebbe molto meno tempo che sviluppare un vaccino per il nuovo coronavirus.(ANSA)

Archivi