Mylan supporta il progetto dell'…

Milano, 18 Dicembre 2012 …

Diabete: nuovi sistemi a biosens…

Un nuovo biosensore pone …

Stimolazione ovarica in età avan…

I farmaci per la stimolaz…

Diabete di tipo 2, altra risorsa…

Accanto all'insulina, pot…

Due geni collegati ai crimini di…

(ASCA)Washington, 28 ott.…

Il progetto Afya per un mondo li…

In occasione della Giorna…

Le troppe calorie dopo i 70 anni…

Superata questa età, un m…

Influenza A: statine attenuano g…

Un nuovo studio Usa sugge…

AIDS: molecole HLA-C permettono …

Dopo essere stati infetta…

Presentati a ESMO 2016 i risulta…

Aumento significativo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer, Fda approva aducanumab

Il 7 giugno la Food and drug administration degli Stati Uniti ha approvato aducanumab di Biogen per il trattamento dell’Alzheimer, che interessa 6,2 milioni di americani. Il farmaco è stato approvato utilizzando il percorso di approvazione accelerato, che può essere utilizzato per un farmaco per una malattia grave o pericolosa per la vita che fornisce un significativo vantaggio terapeutico rispetto ai trattamenti esistenti. L’approvazione accelerata può essere basata sull’effetto del farmaco su un endpoint surrogato che è ragionevolmente probabile che preveda un beneficio clinico per i pazienti, con uno studio post-approvazione richiesto per verificare che il farmaco fornisca il beneficio clinico atteso.

Lo studio

I ricercatori hanno valutato l’efficacia della molecola in tre studi separati per un totale di 3.482 pazienti. Gli studi consistevano in studi di dose-range in doppio cieco, randomizzati, controllati con placebo in pazienti con malattia di Alzheimer. I pazienti che hanno ricevuto il trattamento hanno avuto una significativa riduzione dose e tempo-dipendente della placca amiloide-beta, mentre i pazienti nel braccio di controllo degli studi non hanno avuto riduzione della placca amiloide-beta. Il prodotto di Biogen, stando a quanto dice la Fda stessa, è il primo trattamento unico nel suo genere approvato per il morbo di Alzheimer dal 2003 ed è la prima terapia che mira alla fisiopatologia fondamentale della malattia.

Archivi