[AIRC] La leucemia nemica meno t…

[caption id="attachment_9…

Morbo di Crohn: nei casi più gra…

La malattia di Crohn è un…

Endometriosi: il ruolo chiave de…

Un passo in avanti verso …

Distrofia muscolare: una cura ch…

Una sostanza estratta da …

HIV: una sostanza estratta da sp…

Un nuovo studio dello The…

Evoluzione nei batteri: il mecca…

Anche se le fonti di dive…

Vitamina D, i raggi ultraviolett…

I raggi ultravioletti po…

Aghi di seta completamente indol…

Un team di ingegneri dell…

Dalla ricerca biotech italiana u…

[caption id="attachme…

Disfunzione erettile: parte la c…

In Italia ne soffrono 3 m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cosa non permette alle staminali di diventare cellule tumorali

Si tratta del gene Sept4, la cui proteina, ARTS, ha la funzione è di stimolare l’apoptosi agendo da antagonista rispetto ad altre proteine che prevengono il suicidio cellulare

Identificando un meccanismo che regola la morte cellulare programmata, o apoptosi, nelle cellule ematopoietiche, i precursori delle cellule del sangue, uno studio ha scoperto che un eccesso di cellule staminali, o di cellule staminali troppo resistenti, può accrescere il rischio di sviluppare un cancro. La ricerca ha anche fornito dati a sostegno di un possibile “lato oscuro” dei trattamenti terapeutici con staminali.

La ricerca, condotta da Maria Garcia-Fernandez, Hermann Steller e collaboratori alla Rockefeller University è in corso mdi pubblicazione sulla rivista Genes and Development.

I ricercatori hanno in particolare studiato l’attività del gene Sept4, che codifica una proteina, ARTS, la cui funzione è di stimolare l’apoptosi agendo da antagonista rispetto ad altre proteine che prevengono la morte cellulare programmata. In precedenza si era scoperto che nella leucemia umana e in altre forme tumorali ARTS è assente, lasciando sospettare che agisse da fattore di soppressione tumorale. Per studiare il ruolo di ARTS è stata quindi creata una linea di topi geneticamente modificati privi del gene Sept4.

Per diversi anni, Garcia-Fernandez ha così studiato le cellule prive di ARTS, alla ricerca di indizi relativi a problemi nei meccanismi di apoptosi, non trovandone però traccia nelle cellule B e T mature. Ha pertanto iniziato a studiare quelle cellule a stadi via via più precoci del loro processo di maturazione, trovando alla fine significative differenze. I topi privi di ARTS neonati possiedono infatti circa il doppio del normale di cellule staminali ematopoietiche.

“L’aumento di progenitrici e cellule staminali ematopoietiche nei topi privi di Sept4 comporta la possibilità di una accelerazione nell’accumulo di mutazioni nelle staminali”, osserva Garcia-Fernandez. “Hanno un maggior numero di staminali dotate di resistenza all’apoptosi. E questo alla fine conduce a un accumulo di mutazioni che non possono essere eliminate.”

“Abbiamo stabilito una connessione fra apoptosi, staminali e cancro di un tipo finora ancora non osservato: questa via è di importanza critica nella morte cellulare delle staminali e nella riduzione del rischio di cancro”, ha detto Steller. “Il lavoro suggerisce che la staminale sia il ‘seme’ del tumore e che la transizione da una cellula staminale normale a una staminale cancerosa coinvolga un’accresciuta resistenza all’apoptosi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: