Cellule staminali e cancro: la r…

Mantenendo in salute il…

Nuova importante scoperta Italia…

[caption id="attachment_7…

(ANSA) SLA: arriva diagnosi prec…

E' stata dimostrata per l…

BPCO: Boehringer Ingelheim ha in…

·         La domanda di…

Nuovi marcatori validi per predi…

[caption id="attachment_8…

Ricerca biomedica, un “passaggio…

Tra le oltre 300 squadre …

Studi sul gene del linguaggio sv…

Una nuova ricerca mostra …

Fumo: dai pneumologi un secco "n…

BPCO, ovvero broncopn…

Alzheimer: studi italiani rivela…

[caption id="attachment_1…

Un articolo pubblicato sulla riv…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

[1° comunicato EASD]Diabete di tipo 2: linagliptin è efficace e ben tollerato anche nei pazienti anziani e con nefropatia diabetica

48° Congresso EASD – European Association for the Study of Diabetes

Berlino, Germania e Indianapolis, Indiana (USA), 2 ottobre 2012 – Boehringer Ingelheim e Eli Lilly and Company hanno presentato oggi al 48°Congresso EASD – European Association for the Study of Diabetes – i risultati di un ampio studio clinico di Fase III e di tre analisi combinate di dati di Fase III che confermano l’efficacia e la tollerabilità di linagliptin in pazienti con diabete di tipo 2, compresi i pazienti anziani e quelli con nefropatia diabetica.1,2 ,3-4Linagliptin è un farmaco orale in monosomministrazione giornaliera, impiegato in monoterapia in pazienti che non riescono a ottenere il controllo glicemico con la sola dieta ed esercizio fisico e che non possono assumere metformina per problemi di intolleranza o perché controindicata per un declino della funzionalità renale. Linagliptin è anche approvato come farmaco da utilizzare in associazione a metformina e a metformina + sulfanilurea.5

 

“Il recente rapporto Istat sul mondo della sanità in Italia” ha commentato Stefano Del Prato, Presidente della Società Italiana di Diabetologia “sottolinea l’aumento dell’uso della metformina per il trattamento del diabete tipo 2, in linea con le attuali linee guida nazionali e internazionali. Quello che il quadro generale ritratto dall’Istat non evidenzia ancora è che l’uso dei nuovi farmaci anti-diabetici, come i DDP4 e gli agonisti ricettori del GLP1, quando usati in combinazione con metformina, comportano, oltre al miglioramento del controllo glicemico, anche una significativa riduzione del rischio di ipoglicemie e di aumento di peso rispetto all’uso delle sole solfoniluree”.

“Il diabete di tipo 2 è una patologia complessa e difficile da trattare” ha affermato il Professor Klaus Dugi, Corporate Senior Vice President Medicine di Boehringer Ingelheim. “Molti pazienti hanno un’età avanzata o presentano patologie concomitanti. Le sempre crescenti evidenze cliniche ci confermano che linagliptin è un’opzione terapeutica efficace e ben tollerata per le persone affette da diabete di tipo 2 che necessitano di un adeguato controllo glicemico”.

 

Uno studio clinico di Fase III ha valutato l’efficacia e la sicurezza a lungo termine di linagliptin rispetto a placebo in 1.261 pazienti con diabete non adeguatamente controllato dal trattamento con insulina basale*.  Il profilo complessivo di sicurezza e tollerabilità di linagliptin è stato paragonabile a placebo. L’incidenza di ipoglicemia è stata anch’essa simile in entrambi i gruppi (linagliptin 31,4%, placebo 32,9%) a fronte di un migliore controllo glicemico raggiunto con linagliptin (-0,53% di variazione di HbA1c corretta per placebo alla settimana 52 rispetto al basale (P<0,0001)).  L’HbA1c (emoglobina glicata) viene rilevata nei diabetici come indice di controllo glicemico nei due/tre mesi

 

 

 

precedenti. Durante il trattamento i pazienti nei due gruppi non hanno mostrato variazioni del loro peso.1

 

Linagliptin come terapia aggiuntiva a insulina basale* ha dimostrato di essere efficace e sicuro anche in pazienti anziani (≥ 70 anni) come mostra un’analisi combinata pre-determinata dei risultati di due studi clinici di Fase III, che hanno valutato linagliptin rispetto a placebo, dopo 24 settimane di trattamento, come terapia aggiuntiva a insulina basale e come terapia in pazienti anziani.

I pazienti anziani con diabete di tipo 2 sono solitamente caratterizzati da una maggiore durata di malattia e da una ridotta capacità di secrezione delle cellule beta pancreatica, che spesso rendono necessaria una terapia di combinazione con insulina basale. In questa popolazione più vulnerabile di pazienti con diabete, linagliptin associato a insulina basale è stato ben tollerato, con un’incidenza complessiva di eventi avversi non superiore a placebo. Linagliptin ha determinato miglioramenti del controllo glicemico pari a -0,77% (variazione di HbA1c corretta per placebo rispetto al basale (P<0,0001)), senza rischio aggiuntivo di ipoglicemia (28,6% con linagliptin e 37,2% con placebo).4

 

Un’altra analisi relativa a sette studi di Fase III ha valutato diversi parametri di sicurezza ed efficacia associati al trattamento con linagliptin in pazienti anziani  (≥ 65 anni) con diabete di tipo 2  in monoterapia o in associazione ad altre terapie ipoglicemizzanti. I risultati di questa analisi mostrano che linagliptin è ben tollerato e potrebbe costituire un’opzione terapeutica per pazienti anziani (≥ 65 anni) senza richiedere aggiustamenti di dosaggio.*

 

“Questi dati sono molto confortanti – afferma Carlo Giorda, Presidente AMD – soprattutto se consideriamo che in Italia, secondo gli ultimi dati degli Annali di AMD, la percentuale dei pazienti con diabete al di sopra dei 65 anni supera il 60 % della popolazione diabetica, che si traduce, in termini assoluti, in circa 1.800.000 persone.

Per questa popolazione di pazienti è sempre più necessario avere un approccio terapeutico a 360°, che consenta di raggiungere un buon controllo glicemico in sicurezza, considerando le frequenti patologie concomitanti e le diverse complicanze del diabete stesso, quali l’insufficienza renale.”

 

Linagliptin ha mostrato un’azione ipoglicemizzante con una variazione di −0,62% (P<0,0001, corretta per placebo) di HbA1c alla settimana 24 rispetto al basale. I pazienti trattati con linagliptin hanno registrato anche una diminuzione significativamente maggiore della glicemia plasmatica a digiuno  (variazione media corretta per placebo di −14,8 mg/dL, P<0,0001; −0,82 mmol/L) e una percentuale di eventi avversi non superiore a placebo (71,3% contro 73,3%). Anche gli eventi avversi correlati al farmaco non sono stati superiori con linagliptin rispetto a placebo (18,1% contro 19,8%).3

 

“Questi sono dati estremamente incoraggianti per questa popolazione di pazienti che è spesso difficile da trattare” ha affermato Anthony Barnett, Professore Emerito di Medicina dell’Università di Birmingham, Regno Unito. “Molti pazienti anziani presentano problemi di sicurezza e tollerabilità dovute, ad esempio, a patologie concomitanti, declino della funzionalità renale e maggior rischio di ipoglicemia. In questi pazienti linagliptin sembra essere un’opzione terapeutica efficace e ben

 

 

tollerata per il trattamento del diabete di tipo 2, non richiedendo aggiustamenti di dosaggio o monitoraggi aggiuntivi, anche in caso di declino della funzionalità renale. In una situazione in cui le opzioni terapeutiche sono sempre più limitate, siamo soddisfatti di poter aggiungere linagliptin alle opzioni terapeutiche”.

 

In un’ulteriore analisi linagliptin ha dimostrato la sua efficacia in un’altra popolazione vulnerabile rappresentata da pazienti con diabete di tipo 2 e nefropatia diabetica. Molte persone con diabete di tipo 2 poco dopo la diagnosi sviluppano nefropatia diabetica, che può progredire sino a diventare insufficienza renale terminale. Al momento, le terapie orali disponibili per questa categoria di pazienti sono limitate. Un’analisi di sette studi randomizzati ha raccolto i risultati dopo 24 settimane di trattamento. I risultati sono stati combinati e divisi in due gruppi: il gruppo 1, costituito da pazienti con nefropatia diabetica e diabete di tipo 2 di fase iniziale con albuminuria persistente (A/C compresa fra 30 e 3000 mg/g [rapporto tra albumina e creatina presenti nelle urine] ) e in terapia stabile con ACE inibitore [Inibitore dell’enzima di conversione dell’angiotensina] o ARB [antagonista del recettore di angiotensina II] . Il gruppo 2 è formato da pazienti anziani (≥65 anni) affetti da nefropatia diabetica (A/C compresa fra 30 e 3000 mg/g). I pazienti del gruppo 1 potevano essere o non essere trattati con terapie ipoglicemizzanti orali di background. Quelli del gruppo 2 hanno ricevuto diverse terapie ipoglicemizzanti, fra le quali anche l’insulina.

 

I pazienti del gruppo 1 hanno avuto variazioni corrette per placebo di HbA1c e di glicemia plasmatica a digiuno rispettivamente di -0,71% e -1,4 mmol (per entrambe P<0,0001). Linagliptin ha anche determinato una riduzione significativa dei valori di albuminuria del 33% (P<0,05). Nei pazienti del gruppo 2 linagliptin ha ridotto significativamente i valori di albuminuria del 30% (P<0,05). In entrambi i gruppi la riduzione dell’albuminuria è stata superiore a quanto atteso dagli effetti ipoglicemizzanti di linagliptin.2

 

Linagliptin (5 mg, una volta/die) viene commercializzato con il marchio Trajenta™ in Europa e con il marchio Tradjenta™ negli Stati Uniti, come compresse in monosomministrazione giornaliera in associazione a dieta e attività fisica per migliorare il controllo glicemico in adulti con diabete di tipo 2. Linagliptin non va assunto da pazienti con diabete di tipo 1, né come terapia della chetoacidosi diabetica (aumento dei chetoni nel sangue o nelle urine). In Europa il farmaco non è approvato per essere usato in associazione a insulina. Linagliptin non richiede aggiustamenti di dosaggio in base al grado di declino della funzionalità renale o alla compromissione della funzionalità epatica .5

 

Il Diabete

Si stima che 366 milioni di persone nel mondo soffrano di diabete di tipo 1 e 2. 1  Il diabete di tipo 2 è il più diffuso con una percentuale stimata tra il 90% e il 95% di tutti i casi di diabete. 2 Il diabete è una malattia cronica che insorge quando l’organismo non è più in grado di produrre o utilizzare in maniera adeguata l’ormone insulina.3

 

 

 

 

L’alleanza Boehringer Ingelheim e Eli Lilly and Company     

A gennaio 2011 Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly and Company hanno annunciato di aver formato un’alleanza  per l’area diabetologica che riguarda quattro farmaci in via di sviluppo in alcune fra le principali classi farmacologiche. L’alleanza poggia sui punti di forza di due delle maggiori aziende farmaceutiche a livello mondiale, unendo la comprovata capacità d’innovazione che contraddistingue la ricerca di Boehringer Ingelheim, all’esperienza e al ruolo di protagonista in diabetologia che riveste Lilly da molti decenni. Con questa alleanza, le due aziende rinnovano l’impegno e la volontà di mettere a disposizione nuove soluzioni terapeutiche finalizzate alla cura e al miglioramento della qualità della vita dei pazienti con diabete.

 

E’ possibile trovare maggiori informazioni sull’alleanza sul sito www.boehringer-ingelheim.com o sul sito www.lilly.com.

 

Boehringer Ingelheim

Il gruppo Boehringer Ingelheim è una delle prime 20 aziende farmaceutiche del mondo. Il Gruppo ha sede a Ingelheim, Germania, e opera a livello globale con 145 affiliate e più di 44.000 dipendenti. Sin dalla sua fondazione nel 1885, l’azienda di proprietà familiare si è dedicata alla ricerca, sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti innovativi dall’elevato valore terapeutico nel campo della medicina e della veterinaria.

 

Operare in maniera socialmente responsabile è un punto centrale della cultura e dell’impegno di Boehringer Ingelheim. La partecipazione a progetti sociali, l’attenzione ai propri dipendenti e alle loro famiglie, l’offerta di pari opportunità per tutti i dipendenti costituiscono le fondamenta delle attività del Gruppo a livello mondiale.  Mutua collaborazione e rispetto, al pari della tutela e della sostenibilità ambientale, sono parte integrante di ogni iniziativa  che Boehringer Ingelheim intraprende.

 

Nel 2011 l’azienda ha registrato un fatturato netto di circa 13,2 miliardi di euro. Gli investimenti in Ricerca e Sviluppo nell’area Farmaci da Prescrizione sono il 23,5% del fatturato netto.

 

Per maggiori informazioni  è possibile visitare il sito www.boehringer-ingelheim.com.

 

Eli Lilly and Company

Primaria azienda guidata dall’innovazione, Lilly sta sviluppando un portafoglio sempre più ampio di prodotti farmaceutici grazie alle ricerche all’avanguardia dei propri laboratori in tutto il mondo e alla collaborazione con eminenti organizzazioni scientifiche. Lilly ha sede a Indianapolis, Indiana (USA). Con farmaci e informazione Lilly dà risposte ad alcune delle esigenze mediche più urgenti a livello mondiale. E’ possibile trovare ulteriori informazioni su Lilly sul sito www.lilly.com.

 

Lilly Diabetologia

Lilly è leader mondiale in diabetologia dal 1923, quando ha introdotto sul mercato la prima insulina commerciale al mondo. Oggi prosegue nel suo operato per rispondere alle diverse necessità di coloro che soffrono di diabete, con attività di ricerca, collaborazioni, un portafoglio prodotti ampio e

 

 

in espansione e un impegno incessante per offrire vere soluzioni – farmaci, programmi di sostegno e molto altro – e migliorare la vita delle persone.

 

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito  www.lillydiabetes.com.

 

 

Ufficio Stampa

Value Relations Srl

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

1.             Yki-Järvinen H, Rosenstock J, Durán-Garcia S, et al. Long-term safety and efficacy of linagliptin as add-on therapy to basal insulin in patients with type 2 diabetes: a 52-week randomised, placebo-controlled trial. Oral presentation no 6 Presented at the 48th European Association for the Study of Diabetes (EASD) Annual Meeting, Berlin, Germany. 2012 1-5 October 2012.

2.             Groop P, Cooper M, Perkovic V, et al. Effects of the DPP-4 inhibitor linagliptin on albuminuria in patients with type 2 diabetes and diabetic nephropathy. Abstract. 2012 1-5 October 2012.

3.             Patel S, Schernthaner G, Barnett A, et al. Safety and efficacy of linagliptin in elderly patients with type 2 diabetes: evidence from 1331 individuals aged ≥=65 years. Presented at the 48th European Association for the Study of Diabetes  (EASD) Annual Meeting 1-5 October, Berlin, Germany. 2012 1-5 October 2012.

4.             Woerle HJ, Neubacher D, Patel S, et al. Safety and efficacy of linagliptin plus basal insulin combination therapy in a vulnerable population of elderly patients (age = 70 years) with type 2 diabetes. Presented at the 48th European Association for the Study of Diabetes  (EASD) Annual Meeting 1-5 October, Berlin, Germany. 2012 1 – 5 October 2012.

5.             EMA. Trajenta™ (linagliptin) tablets. EMA Summary of Product Characteristics. 2011.

6.             International Diabetes Federation. The Global Burden. IDF Diabetes Atlas. 2011(5th Edition).

7.             Centers for Disease Control and Prevention. National diabetes fact sheet: National estimates and general information

8.             International Diabetes Federation. What is Diabetes? . IDF Diabetes Atlas. 2011(5th Edition).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: