Osteoartrosi: in provincia di Ve…

Il 5 ottobre a Dossobuono…

Tabagismo: l'esito delle terapie…

Presto sara' forse possib…

Nuove frontiere di intervento co…

Venerdì 20 marzo esperti …

Biopsia prostatica: arrivano nuo…

Negli ultimi anni si e' a…

HIV: nuove immagini ottenute con…

[caption id="attachment_1…

Nobel per la medicina: assegnato…

Nobel per la Medicina a t…

Torna “Biciclette contro il dolo…

Domani, sabato 17 settemb…

Rinoplastica senza bisturi? Occh…

Cancellare una gobba, rie…

DL Liberalizzazioni: una scelta …

L’obbligo di indicare nel…

Termalismo: a Monfalcone gocce d…

Le rinnovate Terme Roma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tornano gli Stati Generali della lotta al dolore in Italia: al via IMPACT proactive 2014

impact_proactiveIl 27 giugno si apre a Firenze la sesta edizione del workshop dedicato allo stato di avanzamento nell’applicazione della Legge 38/2010 su terapia del dolore e cure palliative. Focus di quest’anno: le scelte sagge,prendendo spunto dalla metodologia americana del “choosing wisely”, ossia “cosa fare” e “cosa non fare”, per gestire al meglio il paziente con dolore.Inoltre, lo svolgimento del “summit”, a soli due giorni dall’investitura dell’Italia alla Presidenza del Consiglio Europeo, favorisce sia il confronto tra normativa italiana e modelli organizzativi europei che la condivisione di una proposta IMPACT proactive da inviare al Governo italiano, arricchendo così l’evento di un respiro e di una visione internazionale.

Firenze, 12 giugno 2014 – IMPACT proactive 2014 mette a confronto Istituzioni (Ministero della Salute, Agenas, Regioni, Università), Società Scientifiche, Associazioni Fondazioniper operare in partenariato nella direzione di una reale e corretta applicazione della Legge 38/2010 e si svolgerà a Firenzepresso il Palazzo dei Congressiil 27 e 28 giugno.

Il workshop, come ogni anno, intende non solo favorire la discussione, il confronto e la condivisione fra tutti gli interlocutori presenti, ma vuole essere anche “motore” di attività, progettualità e strategie di comunicazione che permettano l’informazione e l’aggiornamento delle diverse competenze coinvolte nella gestione del dolore. Contestualmente, l’evento darà vita a una significativa campagna di sensibilizzazione del “grande pubblico” sui diritti che la Legge 38/2010 ha sancito per i cittadini, da rendere attuabili su tutto il territorio nazionale e non soltanto in alcune Regioni.

Come espresso nel titolo “choosing wisely”, obiettivi fondamentali di questa edizione del workshop saranno la definizione e la promozione di alcune buone pratiche diagnostico-terapeutiche,non solo discutendo in merito all’effettiva appropriatezza di trattamenti, esami e percorsi assistenziali, ma prestando soprattutto attenzione a stabilire le procedure fondamentali da seguire, mettendo sempre al centro il paziente.

IMPACT proactive 2014 aprirà i lavori venerdì 27 giugno con una prima tavola rotonda introdotta da un intervento di Guido Fanelli, Presidente della Commissione del Ministero della Salute sulla Legge 38/2010, e dedicata al rapporto tra linee guida, normativa italiana e modelli organizzativi attuati in Europa, con la partecipazione di importanti esperti internazionali.

Non mancherà poi la voce dei pazienti e dei cittadini che, attraverso l’esperienza di alcune autorevoli Associazioni, porteranno all’attenzione di tutta l’Assemblea le aspettative e gli unmet needs, i bisogni disattesi, di chi soffre. Sempre il 27 giugno pomeriggio verranno, inoltre, analizzati alcuni progetti portati avanti dai partner di IMPACT proactive, esempi di applicazione dei principi sanciti dalla Legge 38.

La seconda giornata del workshop sarà tutta dedicata alla discussione e promozione di alcune “scelte sagge” nella gestione del paziente con dolore (oncologico e non) che indirizzino in maniera appropriata (“cosa fare” e “cosa non fare”) l’atteggiamento delle Istituzioni e la condotta degli operatori del settore. Ci sarà inoltre l’opportunità di un confronto con alcuni esponenti del movimento italiano “Slow medicine”, promotore di un progetto all’insegna della filosofia “fare di più non significa fare meglio”, finalizzato a porre soprattutto in evidenza “cosa non fare”, cercando di coniugare sempre l’appropriatezza dell’atto medico con il rapporto costi/benefici.

Come ogni anno, la finalità di IMPACT proactive sarà quella di rinnovare un’informazione più approfondita al grande pubblico. Perché non soffrire è un diritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: