Nanoscienze Sapienza: ricerca na…

Tessuti che riconoscono l…

Salpa la lotta al dolore: alla 4…

Una barca intenzionata a …

Paracetamolo: le complicanze che…

Fare ricorso al paracetam…

Akosol inventa il PTA Fotodinami…

 Un pool di scienziati è …

Cellule renali ottenute da stami…

L'Institute of Bioenginee…

Interpretare e guarire il dolore…

Annoni, Responsabile sc…

Un anno importante per la profes…

La nascita della farmacia…

HTA nel dolore muscoloscheletric…

Milano, 14 Aprile 2014 – …

Come le renne vedono ultraviolet…

L'occhio umano percepisce…

Alzheimer: nuove scoperte per pr…

E' appena stato pubblica…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Al via l’iniziativa “Intollerante o rimborsato”

ALL IN – Associazione ALLergici e INtolleranti

 Il prossimo 14 aprile si celebra la Prima Giornata nazionale dell’Intolleranza al Lattosio

Promossa da ALL IN, Associazione ALLergici e Intolleranti, con il contributo non condizionato di Crinos e G&Life

Trieste, 7 aprile 2015 – In occasione della prima Giornata Nazionale dell’Intolleranza al Lattosio, che si celebra il 14 aprile,  parte l’iniziativa “Intollerante o rimborsato” al fine di sensibilizzare la popolazione su questo disturbo che in Italiacolpisce il 60% della popolazione. Ma solo il 25% sospetta effettivamente di esserlo in quanto i sintomi sono così variabili che spesso non fanno sospettare un’intolleranza.

L’iniziativa è promossa da All In – Associazione ALLergici e Intolleranti, con il contributo non condizionato di Crinos e G&Life.

Ci rivolgiamo a coloro che ogni giorno vivono con fastidiosi disturbi gastrointestinali che ne condizionano la qualità della vita, la socialità e anche la vivibilità nell’ambiente lavorativo. Si tratta di un’occasione per verificare velocemente e in modo semplice e sicuro se si soffre di intolleranza al lattosio e prendere le dovute accortezze in caso di positività” afferma Alessandra Castellani, Co-fondatrice dell’associazione e anche lei intollerante al lattosio.

La dinamica è semplice, basta registrarsi al sito www.giornata-intolleranza-lattosio.it eacquistare il kit Lactease DNA. Si tratta di un innovativo test genetico che consente di determinare la predisposizione genetica all’intolleranza al lattosio in modo certo, non invasivo e sicuro, infatti può essere usato anche con i bambini ed essere eseguito direttamente a casa propria o con l’ausilio del medico curante.

Il primo step consiste in un rapido prelievo di un campione di saliva attraverso il tampone incluso nella confezione, da inviare al laboratorio di analisi con le apposite buste preaffrancate. Dal campione biologico viene estratto il DNA sul quale viene effettuata l’analisi del “gene della lattasi”, coinvolto nell’intolleranza al lattosio. Entro 15 giorni il risultato viene rispedito al domicilio.

In caso di risultato negativo verrà rimborsato l’intero valore del test, in caso positivo invece si riceve una fornitura gratuita di integratori Lactease. Lactease è l’integratore dell’enzima lattasi che permette di assumere gli alimenti contenenti il lattosio, senza però avvertire i sintomi legati all’intolleranza. Esso infatti agisce sul lattosio ingerito con gli alimenti e lo rende facilmente digeribile. Questo evita di interrompere il consumo di latte e latticini, privando il nostro organismo di preziosi ed importanti nutrienti.

L’intolleranza al lattosio è causata da una minore produzione  dell’enzima lattasi (ipolattasia): il lattosio assunto con gli alimenti non viene completamente digerito generando numerosi fastidi a livello intestinale  quali gonfiori, flatulenze, borborigmi, crampi addominali, diarree, nausea e talora vomito, cefalea e vertigini.

ALL IN – Associazione ALLergici e INtolleranti

Costituita  a Trieste l’Associazione ha lo scopo di promuovere la conoscenza delle problematiche legate alle patologie alimentari immunomediate, di coinvolgere le istituzioni locali e nazionali, affinché venga fornita un’adeguata assistenza medica e psicologia a chi ne è affetto e, sopratutto, di condividere informazioni ed esperienze per migliorare la qualità di vita di adulti e bambini che ne soffrono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: