Terapia genica per contrastare l…

[caption id="attachme…

Nuovo studio clinico su dabigatr…

·         Sono oltre  2…

Tumori: aumentano quelli legati …

Il numero di donne che sv…

Coronaropatia: piccoli bypass ri…

Una nuova ricerca interna…

DARUNAVIR 800mg: la Commissione …

Cork, Irlanda, 16 gennaio…

Scarsi livelli di vitamina B1 e …

Gli scienziati avvertono …

Silicon Biosystem annuncia un ac…

Silicon Biosystems, Inc. …

Sovrappeso in gravidanza potrebb…

La probabilità di avere p…

Dermatologia: è allarme meteo, g…

Allarme dermatologi: gli …

Esercizi aerobici negli anziani …

L'esercizio aerobico aume…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori femminili: nuove tecniche mini invasive per affrontarli

mioma

mioma

I ginecologi italiani “a lezione” dei colleghi israeliani su chirurgia robotica, tecniche ultrasoniche e monitoraggio biofisico fetale. Tecnologie di alta specializzazione che consentono alla donna trattamenti meno invasivi, più efficaci e con una migliore qualità di vita. Di questo si discute al congresso italo-israeliano promosso dalla Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO), apertosi oggi e che riunisce fino a domani i maggiori esperti dei due Paesi al centro Congressi di Gardaland, in provincia di Verona.

Si tratta di uno scambio fondamentale di competenze ed esperienze, in cui l’Italia ha molto da imparare.

“Un momento importante per la nostra ginecologia – ha affermato Giorgio Vittori, presidente della SIGO – che auspichiamo possa presto utilizzare queste tecniche nella pratica clinica, cosa che ad oggi purtroppo non è ancora possibile in Italia. Si tratta, nello specifico, di un trattamento con energia ultrasonora dei miomi uterini, che permette di ridurli senza intervenire chirurgicamente. Esistono poi procedure per la diagnosi precoce di sofferenza fetale, che permettono di definire in tempi estremamente brevi eventuali disturbi e mettere in atto le necessarie terapie. Innovazioni importanti anche sul fronte della procreazione medicalmente assistita e per la conservazione della fertilità.


Ma i risultati più sorprendenti – ha continuato – sono quelli ottenuti con la chirurgia robotica, capace di movimenti che simulano quelli del polso umano, utilizzata soprattutto per i tumori femminili. Con questa tecnica si riducono anche i tempi di recupero, con un notevole impatto non solo sulla qualità di vita della donna, ma anche sui costi complessivi del sistema. La SIGO auspica che anche nel nostro Paese si sviluppi una maggiore attenzione per queste modalità innovative di intervento e chiede alle Istituzioni più risorse per potervi accedere”.

Al Convegno – che ha riunito oltre 300 esperti – si è discusso molto anche di formazione, in quanto la tecnologia sviluppata dai ricercatori israeliani è all’avanguardia a livello mondiale. Sono infatti i detentori dei “simulatori di chirurgia”: come accade per il volo aereo, macchine di estrema precisione che consentono agli allievi di replicare fedelmente l’intervento, e accelerano i tempi per la preparazione delle nuove leve.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi