Fumo: dieci anni di legge Sirchi…

(ANSA)E' entrata in vigor…

[AIRC] La leucemia nemica meno t…

[caption id="attachment_9…

Parkinson attivato 'in vitro' pe…

[caption id="attachment_1…

Fecondazione selettiva: il primo…

Primi risultati positivi …

La Federazione degli Ordini non …

Roma, 5 luglio 2013 - Dal…

Aminoacidi anti-invecchiamento, …

L'aggiunta in dieta di sp…

HIV: una proteina che blocca la …

Ricercatori nel Regno Uni…

Il colesterolo "brutto" e le imp…

Il rischio di malattie ca…

Alzheimer: messo a punto nuovo t…

[caption id="attachment_6…

Nelle malattie muscolari cronich…

Quando un danno al tess…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro: allo studio un vaccino per ingannare il sistema immunitario e attivarlo contro cellule malate

Un gruppo di ricercatori americani e cinesi ha scoperto che le cellule staminali hanno la capacita’ di ‘ingannare il sistema immunitario’ e fornire un vaccino contro il cancro al colon. La nuova scoperta, pubblicata sulla rivista Stem Cell, si basa su un concetto antico di un secolo: immunizzare con del materiale di provenienza embrionale potrebbe produrre una risposta anti-tumorale nell’organismo. “Questa teoria non e’ mai andata oltre la sperimentazione su cellule animali. Tuttavia, la scoperta che anche le cellule staminali umane possono essere adatte e’ inaspettata e apre la strada a nuove possibilita’ e terapie”, ha detto Zihai Li, immunologo che ha unito i suoi sforzi con l’esperto in staminali, Renhe Xu, e con la University of Connecticut Stem Cell Institute.
“Se si immunizza l’ospite – ha spiegato Li – con le staminali embrionali, il suo sistema immunitario viene ingannato e crede che siano presenti cellule tumorali. Da’ cosi’ inizio a una risposta per combattere il tumore”. I ricercatori hanno utilizzato delle staminali embrionali umane per scatenare una risposta immunitaria in un gruppo di topi di laboratorio, di fatto riproducendo gli effetti di un vaccino. “Abbiamo soltanto testato gli effetti di protezione contro il cancro al colon”, ha detto Li. “Tuttavia, riteniamo che questa tecnica abbia il potenziale adatto per sconfiggere molti tipi di cancro, servendo come vaccino universale contro i tumori”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi