Tumori ossei: nei bambini la spe…

Utilizzare cellule stamin…

L'ipertensione coinvolge 15 mili…

''Vita sana, pressione s…

Cancro ai testicoli: scoperto in…

Scoperto un interrut…

"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Leucemia mieloide: UE approva un…

[caption id="attachment_1…

Rigenerazione dei tessuti da cel…

Nuove ricerche della In…

Aprile è il mese della prevenzio…

o   Parola d’ordine: temp…

Contro obesità scoperta una cell…

Un borsista di ricerca Ma…

Tumori: la ricerca contro quelli…

I progressi della ricerca…

Tra tumore a seno e demenza una …

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

#Covid-19: individuato gene cruciale per lo sviluppo del vaccino

Individuato negli anticorpi umani contro il nuovo coronavirus un gene cruciale per il vaccino: e’ presente in 294 anticorpi analizzati nell’istituto californiano Scripps, e’ uno dei piu’ frequenti e riesce a intercettare il sito in cui la prima principale arma del SarsCoV2, la proteina Spike, si lega al recettore Ace, sulla superficie delle cellule umane. Pubblicata sulla rivista Science, la scoperta promette di accelerare la ricerca di un vaccino efficace contro la pandemia di Covid-19.

L’ottimismo dei ricercatori, coordinati da Yuan Meng, del Laboratorio di Biologia Computazionale dello Scripps, e’ nel fatto che per la prima volta viene fornito alla ricerca sul vaccino un tassello essenziale: quello relativo alle caratteristiche molecolari che contribuiscono a rendere piu’ efficace la risposta degli anticorpi. Sono numerosi i vaccini ormai entrati nella fase della sperimentazione clinica, ma nessuno aveva finora potuto sfruttare un’informazione come questa.

Il gene appena scoperto si trova in ben 294 anticorpi che impediscono alla proteina Spike di legarsi al recettore Ace, si chiama IGHV3-53 e ha un basso tasso di mutazioni. Osservando in azione sul recettore Ace due anticorpi con questo gene, i ricercatori ne hanno studiato la struttura a livello molecolare per scoprire il segreto della loro efficienza e poterlo riprodurre in nuovi candidati vaccini.

Archivi