Le aritmie in atleti che si sott…

Gli sciatori che prat…

Alzheimer, USA: vicini ad una Di…

[caption id="attachment_9…

Contraccezione d'emergenza, dall…

“I ginecologi facciano …

1Ottobre 2014 Prima Giornata Mon…

#urticariaday2014   Rom…

Quando essere sieropositivi e' s…

Crisi e privacy violata, …

Meningite: l'EMA autorizza il va…

L'Agenzia europea del far…

L'EMEA approva un farmaco contro…

[caption id="attachment_7…

Un fattore di rigerazione del mu…

[caption id="attachme…

Diabete: iniezioni quotidiane ad…

In occasione dell’apertur…

Superbatterio in GB: è allarme c…

Il pericolo corre sul bu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanoparticelle guidate da un magnete per il trasporto di staminali sul bersaglio da rigenerare

Nanoparticelle tra eritrociti

Nanoparticelle tra eritrociti

Inviare cellule staminali sui punti del sistema cardiovascolare danneggiati da ferite e malattie, per poterli ricostruire. E’ il nuovo metodo nanotecnologico elaborato dagli scienziati dell’University College of London, progettato per aumentare le capacita’ delle cellule di ricostruire il tessuto danneggiato. “Il sistema usa dei microscopici agenti clinici contenenti ferro, che trasportano delle cellule staminali progenitrici dell’endotelio”, ha spiegato Mark Lythgoe dell’UCL Centre for Advanced Biomedical Imaging, a capo dello studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology: Cardiovascular Interventions.
“Queste nanoparticelle, in seguito, sono guidate sul punto esatto da guarire grazie a un magnete, posizionato fuori dal corpo. Una volta sul posto, le cellule staminali si attivano e cominciano a ricostruire il tessuto danneggiato”. I ricercatori, che hanno applicato la loro tecnica con successo su dei topi di laboratorio, ritengono che essa “aumenti di 5 volte le capacita’ curative localizzate nei danni vascolari”. Anche se i campi magnetici sono stati usati in precedenza per terapie cellulari, questa e’ la prima volta che i tessuti danneggiato sono stati bersagliati in maniera che sia clinicamente applicabile. “Siccome utilizziamo materiali gia’ approvati dalla Food & Drug Administration, prevedo che questa tecnologia possa essere applicata a trial clinici in soli 3-5 anni”, ha detto Lythgoe. “E il metodo di guida magnetica non e’ solo applicabile alle cellule danneggiate, ma anche a molte altre terapie mirate che utilizzano virus e anticorpi”

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x