Il botox contro l'incontinenza u…

L’utilizzo della tossina …

Disturbi del pavimento pelvico: …

[caption id="attachment_6…

Arterie "malate" per 6 milioni d…

Circa 2 milioni di italia…

Tumori allo stomaco: botox potre…

Il comune trattamento ant…

La storia del latte e del perché…

[caption id="attachme…

Dopo isterectomia valutare l'asp…

Le donne che si sotto…

Embolia polmonare: nel Lazio rig…

Sabato 11 ottobre a Roma,…

Nanoparticella contro malattie c…

[caption id="attachment_1…

Ossa e cartilagini: ricostruirle…

[caption id="attachment_6…

Alcol e fumo aumentano di venti …

La combinazione tra fumar…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ottenuta prima cellula ‘naturale’ da genoma sintetico

Roma, 30 ott – Una cellula completamente sintetica che funziona proprio come una cellula naturale: il progetto, primo nel mondo nel suo genere, e’ stato realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Universita’ Politecnica della Catalogna, in Spagna, guidati da Jordi Garci’a Ojalvo, e pubblicato oggi sulla rivista internazionale Cell.

cromosoma

cromosoma

Questa cellula ”replicante” verra’ messa a confronto con la cellula naturale per apprendere meglio i percorsi dei circuiti cellulari, per capire perche’, ad esempio, alcuni funzionamenti si basano su determinati geni e non su altri, e altri meccanismi sembrano innescati dal caso. L’obiettivo, spiega Garci’a Ojalvo, e’ arrivare a comprendere in particolare cosa accade nelle cellule quando si ammalano, come nel caso dell’insorgenza delle neoplasie o delle malattie autoimmuni o, viceversa, cosa accade in quelle cellule che dovrebbero ammalarsi e invece rimangono sane.


“Le cellule spesso non sanno quando potranno trovare le sostanze nutritive che permetteranno loro di continuare a vivere e di svolgere il loro ruolo – spiega Garcìa Ojalvo -. Il loro futuro è quindi imprevedibile e dettato dal caso, e di conseguenza alcuni circuiti genetici sembrano a loro volta progettati per comportarsi in modo casuale”. Il circuito sintetico, che si basa su modelli matematici e viene introdotto nel batterio Bacillus subtilis, si comporta in modo più prevedibile del circuito naturale – ed è quindi più facile studiarne i comportamenti – ma è meno efficace quando tenta di procurarsi sostanze nutritive alternative nell’ambiente extracellulare.

Archivi