FITWALKING4HIV, progetto per i p…

[caption id="attachment_9…

il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

Autismo: il ruolo del sistema im…

Cambiamenti specifici in…

Diabete: sara' 'degludec' nel 2…

Le giornaliere iniezioni …

Morbo di Crohn: nuovo farmaco pe…

Un nuovo farmaco potrebbe…

Leucemia: Boehringer Ingelheim,…

[caption id="attachment_2…

Celiachia: una nuova mappa mondi…

Delinea una nuova epidemi…

Antimicrobici ottenuti da una ve…

Un gruppo di scienziati …

Aneurisma addominale: si previen…

Busto Arsizio (VA), marzo…

Cervello: scoperto l'interruttor…

Identificata la causa del…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dolore cronico: arriva la laser-terapia a bassa intensita’

Arriva direttamente dall’Australia il nuovo trattamento laser non invasivo che permette di ridurre il dolore cronico al collo.
Si chiama tecnicamente LLLT cioè Low-Level Laser Therapy che, come dice il nome stesso, è una terapia laser a bassa intensità, funziona a freddo e assicura ottimi risultati. Questo almeno è quanto sostengono i ricercatori del Brain and Mind Research Institute dell’Università di Sydney.

LLLt

LLLt



Il dolore cronico al collo è una condizione che colpisce fino a una persona su quattro (trai il 10% e il 24% della popolazione) e fino ad oggi i trattamenti erano piuttosto limitati, fanno sapere i ricercatori australiani.

La dr.ssa Roberta Chow e colleghi hanno condotto una revisione di 16 studi clinici randomizzati che hanno messo alla prova questa tecnica.
Negli studi sono stati coinvolti 800 pazienti affetti da dolore al collo. I partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi: un primo gruppo ha ricevuto il trattamento LLLT, mentre il secondo gruppo – quello di controllo – un placebo.
Dai risultati si è dedotto che «LLLT regge il confronto con altri farmaci e altri rimedi per l’efficacia, e i suoi effetti collaterali sono lievi» ha commentato Chow.
Difatti i pazienti trattati con la terapia laser hanno mostrato di avere una riduzione del dolore quattro volte maggiore rispetto al gruppo trattato con il placebo. In particolare i pazienti trattati con LLLT hanno avuto una riduzione del dolore di 20 punti in una scala da 1 a 100 e questa condizione positiva è persistita per altre 22 settimane dopo il trattamento.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!