Il tavolo con l’AIFA apre un per…

Su tutti i temi cruciali …

Vaccino veicolato da bioimpianto…

...anche se la sensaziona…

Fondazione Veronesi: tumori, gli…

In un caso su 20 segnalan…

Carcinoma ovarico: scoperti pept…

Il carcinoma ovarico potr…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Il veleno dello scorpione: alter…

[caption id="attachment_6…

Studi sul gene del linguaggio sv…

Una nuova ricerca mostra …

Salute e Farmaceutica: gli About…

App, video, Social Market…

Risonanza magnetica e PET insiem…

A Napoli nuovo macchinari…

Obesità: il palloncino per la ri…

Prima sperimentazione al …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie rare: accordata una nuova terapia biologica per il trattamento della CAPS

E’ stata approvata in Europa una nuova terapia biologica, Ilaris (canakinumab), per il trattamento in bambini ed adulti di una rara malattia autoinfiammatoria, nota come CAPS (cryopyrin-associated periodic syndrome).

Il trattamento è il primo approvato per bambini dai 4 anni in sù, ed è indicato per due distinte forme della malattia, note come FCAS (familial cold auto-inflammatory syndrome) e MWS (Muckle-Wells syndrome).

Gli studi clinici di Fase III hanno mostrato una remissione rapida della malattia nel 97% dei pazienti trattati con il farmaco. Ilaris, anticorpo monoclonale umanizzato, blocca rapidamente e selettivamente la citochina Interleuchina-1 beta (IL-1beta), che, sovraprodotta nei pazienti affetti da CAPS, a causa della mutazione di un singolo gene, è responsabile della risposta infiammatoria. La sovraproduzione di Interleuchina-1 beta causa quindi quella forte infiammazione che porta al danno tissutale e a sintomi come affaticamento, arrossamento, febbre, mal di testa, dolore alle giunture e alle articolazioni. Le conseguenze della malattia sono importanti, a volte fatali, come sordità, deformità delle articolazioni, danno a livello del sistema nervoso centrale, con perdita della vista, e amiloidosi. Il farmaco, approvato a giugno negli USA, viene somministrato ai pazienti tramite una iniezione sottopelle ogni due mesi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi