Tosse: individuato un nuovo rece…

[caption id="attachment_1…

Se i tagli si applicano meccanic…

Roma, 3 marzo 2015 - E’ s…

Contraccezione ormonale, informa…

La Regione rimane fanalin…

Una proteina a protezione del ce…

Si chiama retinoblastoma …

Tumori: tracciati i rischi delle…

Esplorati in un complesso…

Depressione: sviluppato uno spra…

Un gruppo di ricercatori …

PSA: esame dal quale si ottengon…

I possibili benefici e r…

Radioterapia: piccole dosi in gr…

Grazie a una sperimentazi…

Settimana europea della vaccinaz…

In Italia la copertu…

Batteri e guerra di segnali: Pse…

Anche nella lotta tra mic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie reumatiche sistemiche: le staminali adulte si rivelano ottima terapia

Nelle malattie reumatiche sistemiche, come la sclerodermia e il lupus eritematoso sistemico, il trapianto di cellule staminali adulte e’ un’opzione terapeutica efficace.

staminali adulte

staminali adulte


Lo ha detto a Rimini, durante il 46/o congresso della Societa’ Italiana di Reumatologia (Sir), Alan Tyndall, direttore del Dipartimento di reumatologia dell’Ospedale Universitario Felix Splatter di Basilea, presentando i dati di alcuni studi preliminari in cui sono state utilizzate sia cellule staminali ematopoietiche (cioe’ un vero e proprio trapianto di midollo osseo come quello utilizzato per la cura dei tumori del sangue) sia cellule mesenchimali, componenti del sistema immunitario la cui funzione e’ quella di regolare l’attivita’ generale del sistema immunitario.

‘Nel caso del trapianto di midollo si ottengono ottimi risultati perche’ si annulla la ‘memoria immunologica’ del paziente quindi anche l’autoimmunita’ – ha detto Tyndall -. Piu’ interessanti ancora sono pero’ le possibilita’ offerte dalle cellule mesenchimali, ancora utilizzate solo in ambito sperimentale, perche’ consentono di ottenere un controllo dell’eccessiva risposta immunitaria contro i tessuti dell’organismo tipico della malattie autoimmuni senza dover pero’ annullare il sistema immunitario del paziente’.
Anche Franco Locatelli, della Clinica pediatrica dell’Universita’ di Pavia, ha parlato delle ultime ricerche sulle cellule mesenchimali (ambito nel quale l’Italia e’ all’avanguardia) in diversi modelli di malattie autoimmuni, confermandone le potenzialita’ ma anche i limiti dovuti soprattutto al fatto che non tutti i meccanismi molecolari alla base della loro capacita’ di riparare i tessuti malati sono noti e controllabili. ‘Alcuni studi effettuati su pazienti pediatrici dimostrano la capacita’ delle cellule mesenchimali di modulare alcuni aspetti del sistema immunitario, ma non altri. I dati sono incoraggianti ma si tratta di terapie che, prima di essere diffuse su larga scala, devono essere ancora studiate con attenzione’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi