Scoliosi: migliora la terapia co…

Migliorare il rapporto d…

AIFA istituisce gruppo di lavoro…

Il direttore generale del…

Scoperto in America un virus che…

Riduce l'attivita' cognit…

Alla casa di cura Quarenghi di S…

  In media, la terapia r…

Sarcomi dei tessuti molli ad alt…

Straordinari risultati di…

Diabete di tipo 2: livelli di am…

I livelli di alcuni meta…

Farmaco diuretico, il bumetanide…

Un farmaco commercializza…

Patologie umane: 28.000 varianti…

La conoscenza dell'esatta…

Malaria: perché è importante dia…

[caption id="attachment_1…

Coppa Davis: Mundipharma al fian…

Supportato da Mundipharma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al rene: in USA viene approvato un innovativo farmaco biotech

La Food and Drug Administration americana ha approvato giorni fa una nuova small molecule per il trattamento del carcinoma renale avanzato.

Azione anti-VEGF

Azione anti-VEGF

Il prodotto, formulato in compresse, avrà nome commerciale Votrient (Pazopanib). Il trattamento appena approvato è un potente e selettivo inibitore delle tirosin-chinasi dei recettori VEGFR-1, VEGFR-2, VEGFR-3, PDGFR-a/â, e c-kit, che agisce inibendo l’angiogenesi al fine di bloccare la crescita del tumore per carenza di ossigenazione e nutrienti.
Infatti, VEGF (Vascular Endothelial Growth Factor), generalmente sovra espresso dalla massa tumorale, contribuisce all’angiogenesi, processo che prevede la formazione di nuovi vasi sanguigni fondamentali per la crescita e la diffusione del tumore stesso.
Nei pazienti affetti da tumore del rene metastatizzato, il nuovo farmaco sperimentato ha permesso di prolungare di 5 mesi, rispetto al controllo con placebo, il periodo di stabilità in cui non vi è dunque alcuna progressione della malattia. Tale dato si riscontra indipendentemente dal pre-trattamento dei pazienti con citochine.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x