Tumori: nuovo test a basso costo…

Messa a punto una nuova m…

Il meccanismo della molecola ant…

[caption id="attachment_8…

Caffè in gravidanza: rischi di l…

Le donne incinte che bevo…

Papillomavirus: il rischio di co…

Il 50% degli uomini p…

Antidepressivi in gravidanza: no…

Gli antidepressivi in gra…

San Valentino è il protettore de…

Martedì 14 febbraio 2012 …

Longevità femminile superiore al…

Le donne, si sa, tend…

Sudore: una fibra tessile studia…

I ricercatori dell'Imem-C…

Melanoma: incidenza di recidive …

Studio italiano scopre un…

Dopo l'infarto: la mancata riabi…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al rene: in USA viene approvato un innovativo farmaco biotech

La Food and Drug Administration americana ha approvato giorni fa una nuova small molecule per il trattamento del carcinoma renale avanzato.

Azione anti-VEGF

Azione anti-VEGF

Il prodotto, formulato in compresse, avrà nome commerciale Votrient (Pazopanib). Il trattamento appena approvato è un potente e selettivo inibitore delle tirosin-chinasi dei recettori VEGFR-1, VEGFR-2, VEGFR-3, PDGFR-a/â, e c-kit, che agisce inibendo l’angiogenesi al fine di bloccare la crescita del tumore per carenza di ossigenazione e nutrienti.
Infatti, VEGF (Vascular Endothelial Growth Factor), generalmente sovra espresso dalla massa tumorale, contribuisce all’angiogenesi, processo che prevede la formazione di nuovi vasi sanguigni fondamentali per la crescita e la diffusione del tumore stesso.
Nei pazienti affetti da tumore del rene metastatizzato, il nuovo farmaco sperimentato ha permesso di prolungare di 5 mesi, rispetto al controllo con placebo, il periodo di stabilità in cui non vi è dunque alcuna progressione della malattia. Tale dato si riscontra indipendentemente dal pre-trattamento dei pazienti con citochine.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi