Ictus: prevedibile negli anziani…

Un semplice test con un d…

Gonorrea: scoperto nuovo ceppo …

Scoperto un nuovo ceppo d…

Dermatite atopica: l'allergia co…

L'effetto è mediato dalla…

In Italia rischio di estinzione …

La denuncia e le proposte…

AL VIA IL FORUM DELLA LEOPOLDA: …

Il 23 e 24 settembre, la …

Interazioni geni - ambiente: equ…

[caption id="attachment_1…

Dalle cozze la sostanza per ripa…

[caption id="attachment_5…

Menopausa: l'obesità aumenta le …

Roma, 20 lug - Il maggior…

Peperoncino regolarizza pression…

[caption id="attachment_8…

Batteri acneici a protezione del…

I batteri che causano ac…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al rene: in USA viene approvato un innovativo farmaco biotech

La Food and Drug Administration americana ha approvato giorni fa una nuova small molecule per il trattamento del carcinoma renale avanzato.

Azione anti-VEGF

Azione anti-VEGF

Il prodotto, formulato in compresse, avrà nome commerciale Votrient (Pazopanib). Il trattamento appena approvato è un potente e selettivo inibitore delle tirosin-chinasi dei recettori VEGFR-1, VEGFR-2, VEGFR-3, PDGFR-a/â, e c-kit, che agisce inibendo l’angiogenesi al fine di bloccare la crescita del tumore per carenza di ossigenazione e nutrienti.
Infatti, VEGF (Vascular Endothelial Growth Factor), generalmente sovra espresso dalla massa tumorale, contribuisce all’angiogenesi, processo che prevede la formazione di nuovi vasi sanguigni fondamentali per la crescita e la diffusione del tumore stesso.
Nei pazienti affetti da tumore del rene metastatizzato, il nuovo farmaco sperimentato ha permesso di prolungare di 5 mesi, rispetto al controllo con placebo, il periodo di stabilità in cui non vi è dunque alcuna progressione della malattia. Tale dato si riscontra indipendentemente dal pre-trattamento dei pazienti con citochine.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi