Sigaretta elettronica: Varonesi …

Nature, la rivista portav…

A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Cuore torna a battere con cellul…

Lo studio dell'Univer…

Quando la cellula abbandona i mi…

[caption id="attachment_9…

Quando il tessuto adiposo raggiu…

[caption id="attachment_9…

Test DNA per dieta perfetta: son…

[caption id="attachment_3…

Vitamina D nei giovani: condizio…

[caption id="attachment_6…

Favismo: ricerca Telethon trova …

Un sorprendente link gene…

KLOTHO permette di regolare iper…

[caption id="attachme…

Epatocarcinoma: la sinergia di p…

L’epatocarcinoma è una pa…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Finanziamenti per lo studio dei biofilm batterici al progetto Cyclic-di-GMP

Il Consiglio europeo della ricerca (CER) ha assegnato una Sovvenzione a favore di ricercatori avanzati (Advanced Investigator Grant) a una scienziata della Freie Universität Berlin, in Germania, per un nuovo progetto per lo studio dei biofilm batterici. Il progetto è stato selezionato tra 1.584 proposte e 513 progetti nel campo delle scienze biologiche.

biofilm batterico

biofilm batterico

La professoressa Regine Hengge del dipartimento di biologia, chimica e famacologia riceverà una sovvenzione di 2 milioni di euro per il suo progetto di ricerca “Cyclic-di-GMP: new concepts in second messenger signalling and bacterial biofilm formation”.
L’obiettivo del progetto è di approfondire le conoscenze sui biofilm, gruppi di microrganismi resistenti sia agli antibiotici che al sistema immunitario che si aggregano sulle superfici e possono causare infezioni e malattie. I biofilm si possono trovare sugli strumenti medici, come ad esempio i cateteri. In bocca essi possono provocare il deterioramento dei denti e patologie gengivali.



I biofilm si sviluppano rapidamente sulle superfici che sono costantemente umide, come i sistemi di fornitura idrica, gli ambienti marini e gli impianti per il trattamento dei liquami. Possono bloccare i tubi e causare corrosione, con conseguenti danni di milioni di euro. Spesso le superfici infettate sono trattate con la semplice pulitura o verniciatura con prodotti contenenti metalli tossici.
La professoressa Hengge spera di contribuire ai tentativi di sviluppare sostanze per prevenire la formazione dei biofilm, cercando di scoprire come avviene la loro formazione.
I finanziamenti per il progetto si estendono su un periodo di cinque anni e saranno usati per occupare dottori di ricerca e laureati, nonché per acquistare attrezzature per i laboratori e allargare la collaborazione internazionale. Si terranno anche due conferenze internazionali alla Freie Universität di Berlino.
La ricerca sarà concentrata sui meccanismi di controllo genetico-molecolari che sono alla base dei biofilm e sull’elaborazione di vari segnali ambientali per determinare l’origine, la formazione e le proprietà dei biofilm dell’organismo modello: il patogeno Escherichia coli.
In questo gruppo di finanziamenti, il CER ha rilasciato fino a 490 milioni di euro di sovvenzioni per gli scienziati impegnati negli istituti di ricerca europei. Le svovvenzioni sono assegnate a scienziati con un curriculum orientato alla ricerca scientifica innovativa nei 10 anni precedenti.

Per maggiori informazioni, visitare:

Freie Universität Berlin:
http://www.fu-berlin.de/en/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: