Prostatanonseisolo.it: il portal…

Milano, 21 giugno 2013 - …

La prima molecola sperimentale i…

La prima molecola sperime…

Laser contro i cuscinetti di gra…

Addio lunghe degenze e fa…

Cancro al rene: il parere del pa…

Quando due farmaci hanno …

Paracetamolo: migliora resistenz…

Il paracetamolo ha un eff…

Le trasformazioni dei batteri in…

Le colonie di batteri ben…

Tessuti e organi umani 'in vitro…

[caption id="attachment_1…

Novità in endocrinologia al Cong…

ABSTRACT RELATORI   …

Magnesio contro il declino cogni…

Mentre una carenza di mag…

Anche in un carcere si tiene la …

Nel carcere di Badu ‘e Ca…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Genoma paterno e longevità (a rischio)

Vivono più a lungo rispetto ai maschi, ma vivrebbero ancora di più se non possedessero nel loro patrimonio genetico alcuni geni dettati dagli spermatozoi paterni: a sostenere che nelle femmine la già nota longevità è minata dai geni del padre è una ricerca condotta da un gruppo di ricercatori giapponesi del Dipartimento di Bioscience della Tokyo University of Agriculture guidati da Manabu Kawahara e Tomohiro Kono e pubblicata sulla rivista Human Reproduction.

cromosoma 9 - immagine dal web

cromosoma 9 - immagine dal web

Gli studiosi giapponesi hanno scoperto che topi di sesso femminile creati utilizzando materiale genetico di due madri vivono più a lungo rispetto ai topi normali nati da un mix di geni materni e paterni. I risultati di questo studio forniscono per la prima volta la prova, spiegano gli studiosi, che i geni portati dagli spermatozoi possono avere un effetto negativo sulla durata della vita dei mammiferi.


“Sappiamo da tempo che le donne tendono a vivere più a lungo degli uomini in quasi tutti i paesi del mondo, e che tali differenze legate al sesso di longevità si verificano anche in molte altre specie di mammiferi – spiega Kono -. Tuttavia, la ragione di questa differenza è poco chiara e, in particolare, non si sa se la longevità di mammiferi dipende dalla composizione del genoma di uno o di entrambi i genitori”. Grazie a quest’ultima ricerca, gli studiosi ritengono che il motivo della differenza di longevità potrebbe risiedere in un gene sul cromosoma 9, associato alla crescita post-natale, che deriverebbe dal corredo genetico paterno: quando è assente o disattivato, la vita si allunga.



Per giungere ai risultati, i ricercatori hanno rilevato che i topi creati da due genomi di sesso femminile (topi BM, ovvero bi-materni) hanno vissuto una media di 186 giorni in più rispetto ai topi di controllo creati dalla normale combinazione di genoma maschile e femminile (841,5 giorni contro 655,5 giorni). La durata media della vita di un topo è di circa 600-700 giorni: il che significa, spiegano i ricercatori, che i topi BM vivono in media un terzo più dei topi concepiti normalmente. Dalle analisi eseguite, inoltre, è risultato che i topi con due madri sembravano avere un migliore sistema immunitario, con un aumento significativo di un tipo di globuli bianchi, gli eosinofili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: