Localizzata un’area del cervello…

Si trova nella corteccia …

Ogni cervello ha un network, ogn…

Per evitare ingorghi e st…

Scienziati ottengono precursori …

Partendo da cellule stami…

Fumo attivo, passivo e di "terza…

[caption id="attachment_5…

Il "lato buono del colesterolo" …

Una dieta ricca di colest…

Cellule epatiche da staminali ot…

Un team di scienziati bri…

Donazione e conservazione cordon…

[caption id="attachme…

Cellule staminali nei topi in gr…

Gli scienziati della …

I successi e traguardi scientifi…

[caption id="attachment_1…

Parte il test del progesterone n…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: in vitro scienziati modificano cellula sangue per distruggere cellule infettate

Gli scienziati della Ucla, l’università californiana di Los Angeles, hanno scoperto che una cellula del sangue umano, opportunamente modificata, è in grado di uccidere le cellule colpite dal virus dell’Hiv, responsabile dell’Aids.

Lo studio, pubblicato dalla rivista scientifica on-line Plos ONE, dimostra che “le cellule umane, modificate in questo modo, possono diventare dei vaccini genetici”, in grado di sconfiggere l’Aids ma anche altre gravi malattie di origine virale. La scoperta potrebbe rappresentare un grandissimo passo avanti nella ricerca contro l’Aids, tuttavia, avverte lo stesso studio, serviranno altri anni di ricerche per avere i primi risultati concreti. La prossima fase, osservano gli studiosi californiani, sarà scoprire se la procedura testata in laboratorio funzionerà anche all’interno del corpo umano. “Questo studio ha dimostrato la validità del principio teorico secondo cui delle cellule modificate, in particolare le T-cell (linfociti T), possono migliorare il nostro sistema immunitario e possono essere usate per colpire altre cellule, infette dal virus Hiv”, osserva l’autore della ricerca Scott G.Kitchen, docente di Ematologia e Oncologia alla scuola di medicina David Geffen e componente dell’Istituto dell’Ucla sull’Aids.

“Queste ricerche – ha aggiunto – mettono le basi per ulteriori sviluppi terapeutici che riguardano la ricostruzione di cellule malate o che reagiscono in modo insufficiente, dal punto di vista immunitario, ai tanti virus che provocano malattie croniche e persino alcuni tipi di tumori”. Secondo i dati delle Nazioni Unite resi noti in occasione della giornata mondiale di lotta all’Aids del primo dicembre, dallo scoppio dell’epidemia nel 1981, quasi 60 milioni di persone sono state infettate e 25 milioni sono decedute per cause legate al virus Hiv. Ma le nuove infezioni sono diminuite del 17% in questi ultimi otto anni, hanno affermato oggi le Nazioni Unite. Nel solo 2008, secondo le stime dell’Oms e dell’Unaids, sono stati registrati due milioni di decessi dovuti all’aids, 1,4 milioni dei quali nell’Africa sub-sahariana.

Sempre nel 2008, i nuovi contagi sono stati 2,7 milioni al ritmo di 7.400 al giorno, portando a 33,4 milioni il numero di persone che convivono con l’Hiv.

Ansa.it

1 comment

  1. Pingback: Technotizie.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: