Scoliosi: migliora la terapia co…

Migliorare il rapporto d…

AIFA istituisce gruppo di lavoro…

Il direttore generale del…

Scoperto in America un virus che…

Riduce l'attivita' cognit…

Alla casa di cura Quarenghi di S…

  In media, la terapia r…

Sarcomi dei tessuti molli ad alt…

Straordinari risultati di…

Diabete di tipo 2: livelli di am…

I livelli di alcuni meta…

Farmaco diuretico, il bumetanide…

Un farmaco commercializza…

Patologie umane: 28.000 varianti…

La conoscenza dell'esatta…

Malaria: perché è importante dia…

[caption id="attachment_1…

Coppa Davis: Mundipharma al fian…

Supportato da Mundipharma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un algoritmo permettera’ ad un PC di ‘stimare’ le opere d’arte

I metodi automatici di classificazione basati su algoritmi di visione potrebbero essere utili nelle classificazioni delle opere nelle collezioni dei musei

I computer capiscono l’arte? Molti risponderebbero sicuramente di no, almeno se si attribuisce al verbo “capire” un senso pienamente umano. Eppure, come hanno dimostrato ora i ricercatori dell’Università della Girona in collaborazione con alcuni colleghi tedeschi del Max-Planck-Institut, alcuni algoritmi matematici permettono di analizzare i dipinti e di attribuire loro un valore artistico. La composizione dei colori e alcuni parametri estetici possono infatti essere quantificati anche in modo automatico.

I ricercatori sono partiti dall’idea che una macchina possa imparare a distinguere tra diversi stili artistici sulla base di informazioni pittoriche di basso livello. Le strategie di classificazione umana per contro, comprendono concetti definiti di medio e di alto livello.

L’informazione pittorica di basso livello comprende elementi come le dimensioni del tratto e quindi del pennello utilizzato, il tipo di materiale e la composizione cromatica. L’informazione di medio livello consente invece di differenziare tra diversi oggetti e scene che appaiono nell’immagine così come il tipo di soggetto (paesaggio, ritratto, natura morta etc.) L’informazione di alto livello tiene conto infine del contesto storico a cui appartiene l’opera e della conoscenza degli autori e delle correnti artistiche.

“Non sarà mai possibile determinare per via matematica e in modo preciso un periodo artistico, ma possiamo cercare di ‘misurare’ la corrente”, ha commentato Miquel Feixas, uno degli autori dell’articolo pubblicato sulla rivista Computers and Graphics.
I ricercatori hanno poi analizzato diversi algoritmi di visione artificiale per classificare l’arte, e hanno trovato che alcune misurazioni estetiche che calcolano l'”ordine” dell’immagine sulla base dell’analisi dei pixel e della distribuzione del colore così come la composizione e la varietà cromatica può essere un utile metodo di classificazione e ricerca nelle collezioni dei musei.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x