Frutta secca: diminuisce il risc…

Chi mangia piu' frutta s…

Nuovo studio pubblicato su The L…

Nel trial della durata di…

[SIN] Entro il 2020, la depressi…

 “Trattare la Depressio…

Staminali dal Danio rerio, lo sp…

E' lungo tra i tre e i ci…

Le prove scientifiche di un tras…

[caption id="attachment_7…

Infarto: determinante lo stile d…

Per calcolare in modo cor…

Fecondazione: da staminali embri…

Ricercatori dello Shangha…

Onorificenza del Presidente Obam…

Losanna (Svizzera)  24 ma…

Grafene: sempre più imprevedibil…

Ricercatori del Regno Uni…

Dal Congresso Nazionale Della Si…

DALLE SESSIONI DI LIVE SU…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vitamina C: si dimostra in grado di modificare cellule adulte in staminali embrionali

La vitamina C sarebbe in grado di stimolare e migliorare la riprogrammazione delle cellule adulte in staminali. È quanto emerge dallo studio pubblicato su Cell Stem Cell dai ricercatori della Chinese Academy of Sciences di Guangzhou, in Cina.

La ricerca rappresenta un passo avanti nell’ambito della medicina rigenerativa, le cui ultime scoperte hanno consentito di riprogrammare le cellule adulte in molecole con caratteristiche simili alle cellule staminali embrionali (chiamate anche pluripotenti, cioè in grado di svilupparsi in quasi tutti i tipi di tessuto), dando vita alle staminali pluripotenti “indotte”.

Nel corso dello studio, condotto su un gruppo di topi e su cellule umane, gli esperti cinesi hanno scoperto che la vitamina C sarebbe in grado di facilitare la generazione di cellule staminali da normali cellule adulte grazie alla sua capacità di ridurre l’invecchiamento cellulare e di incentivare i cambiamenti di espressione genica, rendendo più efficiente la transizione in staminali pluripotenti.

“Il nostro studio – spiega Duanqing Pei, ricercatore della Chinese Academy of Sciences – evidenzia la possibilità di migliorare la generazione di cellule staminali pluripotenti indotte grazie all’utilizzo della vitamina C e alla sua capacità di invertire il processo di invecchiamento cellulare. Ulteriori ricerche potrebbero approfondire i risultati ottenuti”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!