Abacavir: al Gemelli monitorati …

[caption id="attachment_6…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Si fa strada l'ossigeno-ozono te…

Mal di schiena, dolori ce…

Il 16 Dicembre al SANIT focus su…

Spesi oltre 13 mln di eur…

Disturbi del sonno riducono la q…

Dormire poco e male p…

Cardo Mariano: protezione natura…

Un nuovo studio suggerisc…

Ritardare il taglio del cordone …

Per contrastare le carenz…

Scoperto come lo stress cronico …

Lo stress cronico dannegg…

Fegato in cirrosi rigenerato da …

[caption id="attachment_…

Tumori al seno: la mammografia i…

E' possibile monitorare…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiopatie: studi su come riattivare un enzima dopo attacco di cuore

ALDH2

Ripristinare l’attivita’ di un enzima mutato per ristabilire la funzionalita’ cardiaca riducendo al minimo il danno causato dall’arresto del cuore: e’ la scoperta dell’Universita’ dell’Indiana e della Stanford University, pubblicata su Nature Structural Biology, da cui emerge che il nuovo composto chimico potrebbe portare a una nuova classe di farmaci per aiutare a ridurre il danno muscolare causato dagli attacchi di cuore.

Il team, guidato da Thomas Hurley – presidente e professore di Biochimica e biologia molecolare presso l’Universita’ dell’Indiana – e da Daria Mochly-Rosen – docente di Chimica e biologia dei sistemi a Stanford -, ha individuato in Alda-1 il composto chimico adatto a ripristinare la funzione dell’enzima ALDH2 in seguito a un attacco di cuore. L’enzima ALDH2 e’ responsabile del metabolismo dell’alcol e di altre sostanze tossiche, comprese quelle create dalla mancanza di ossigeno in seguito di un attacco di cuore.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi