L'impegno del cervello per senti…

Sono stati identificati i…

Zanzara tigre: la difesa arriva …

Dalla natura la difes…

Aterosclerosi: ormone bersaglio …

L'epcidina, ormone che re…

HIV: Profilassi a base di antire…

[caption id="attachment_5…

Ictus Cerebrale: la riabilitazio…

Il 29 ottobre A.L.I.Ce. I…

Cuore a rischio senza sufficient…

La carenza di vitamina D…

Vivere di più simulando una diet…

Una molecola di sintesi s…

Cellule staminali in grado di pr…

Pronte le prime cellule s…

Due geni in meno nel complesso L…

[caption id="attachment_3…

Il peperoncino allunga la vita, …

Cucina messicana? Oppure …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiopatie: studi su come riattivare un enzima dopo attacco di cuore

ALDH2

Ripristinare l’attivita’ di un enzima mutato per ristabilire la funzionalita’ cardiaca riducendo al minimo il danno causato dall’arresto del cuore: e’ la scoperta dell’Universita’ dell’Indiana e della Stanford University, pubblicata su Nature Structural Biology, da cui emerge che il nuovo composto chimico potrebbe portare a una nuova classe di farmaci per aiutare a ridurre il danno muscolare causato dagli attacchi di cuore.

Il team, guidato da Thomas Hurley – presidente e professore di Biochimica e biologia molecolare presso l’Universita’ dell’Indiana – e da Daria Mochly-Rosen – docente di Chimica e biologia dei sistemi a Stanford -, ha individuato in Alda-1 il composto chimico adatto a ripristinare la funzione dell’enzima ALDH2 in seguito a un attacco di cuore. L’enzima ALDH2 e’ responsabile del metabolismo dell’alcol e di altre sostanze tossiche, comprese quelle create dalla mancanza di ossigeno in seguito di un attacco di cuore.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x