Sordità: ricerca dimostra che ri…

Per la prima volta un'ini…

Anticonvulsivanti: troppo sospet…

[caption id="attachment_7…

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

E. coli e Pneumococco: scienziat…

Scienziati scoprono il pu…

I calcoli renali aumentano il ri…

Lo ha dimostrato uno stud…

Linfonodi ingrossati nei bambini…

I linfonodi ingrossati (l…

Oncologia: L'aberrante processo …

[caption id="attachment_5…

Sclerosi Multipla: gli ecceziona…

Roma, 28 gennaio 2009 – L…

[Fond. Veronesi] Campi elettrici…

[caption id="attachme…

La scommessa italiana per la cur…

La ricerca sulla fibrosi …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cardiopatie: studi su come riattivare un enzima dopo attacco di cuore

ALDH2

Ripristinare l’attivita’ di un enzima mutato per ristabilire la funzionalita’ cardiaca riducendo al minimo il danno causato dall’arresto del cuore: e’ la scoperta dell’Universita’ dell’Indiana e della Stanford University, pubblicata su Nature Structural Biology, da cui emerge che il nuovo composto chimico potrebbe portare a una nuova classe di farmaci per aiutare a ridurre il danno muscolare causato dagli attacchi di cuore.

Il team, guidato da Thomas Hurley – presidente e professore di Biochimica e biologia molecolare presso l’Universita’ dell’Indiana – e da Daria Mochly-Rosen – docente di Chimica e biologia dei sistemi a Stanford -, ha individuato in Alda-1 il composto chimico adatto a ripristinare la funzione dell’enzima ALDH2 in seguito a un attacco di cuore. L’enzima ALDH2 e’ responsabile del metabolismo dell’alcol e di altre sostanze tossiche, comprese quelle create dalla mancanza di ossigeno in seguito di un attacco di cuore.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x