Arteriosclerosi: un pomodoro, ge…

Per la prima volta un po…

La terapia cellulare guarisce u…

[caption id="attachme…

Una nuova tecnica di sonda fluor…

[caption id="attachme…

La discesa dei prezzi è figlia d…

Giusto sottolineare la di…

Tossina botulinica efficace cont…

La tossina botulinica puo…

#Aneurisma cerebrale: primo inte…

- Primo intervento di ane…

Tacchi alti: il dolore alle arti…

In dieci anni e' piu' ch…

Individuato il 'tallone d'Achill…

Uno studio dell'Istituto …

Biomarcatori e rischi cardiovasc…

[caption id="attachment_1…

Per la prima volta al RiminiWell…

Arriva a Rimini, dal 28…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dal MIT: nanoparticelle che contribuiscono a combattere patologie cardiache

nanoburrs, fantastica foto che si trova in home, nel sito del MIT

..Ma è la loro peculiarità di azione che lascia gradevilmente incuriositi e speranzosi. Le particelle, chiamata “nanoburrs,” sono rivestite di piccoli frammenti di proteine che permettono loro di sostare sul tessuto arterioso danneggiato. Una volta ancorate, possono rilasciare farmaci quali paclitaxel, che inibisce la divisione cellulare e aiuta a prevenire la crescita di tessuto cicatriziale che può bloccare le arterie. Le Nanoparticelle che si attaccano alle pareti interne delle arterie in grado di rilasciare i farmaci lentamente: e’ l’ultima trovata dei ricercatori del MIT e della Harvard Medical School di Boston guidati da Omid Farokhzad dell’Harvard Medical School e da Robert Langer del MIT, di cui si legge sulla rivista Pnas – Proceedings of the National Academy of Science, con cui gli studiosi americani si prefiggono di risolvere le problematiche legate alle malattie cardiovascolari.

Le particelle sono rivestite con minuscoli frammenti di proteine che permettono loro di attaccarsi alle proteine bersaglio e sono progettate per rilasciare i farmaci per diversi giorni. I ricercatori affermano che le particelle potrebbero essere utilizzate insieme agli stent vascolari – che sono la cura standard per la maggior parte dei casi di arterie intasate o danneggiate – o, in alcuni casi, in sostituzione degli stent stessi. Le particelle, concludono gli autori, possono anche rivelarsi utili per la somministrazione di farmaci anti-tumorali: ”Questa tecnologia potrebbe essere applicata anche per altre malattie – spiega Farokhzad -, tra cui il cancro e le malattie infiammatorie in cui la permeabilita’ vascolare o il danno vascolare e’ presente”.

Dal MIT (nostra fonte adorata): New ‘nanoburrs’ could help fight heart disease

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi