Vescica iperattiva: efficace la …

Contro la sindrome de…

Identificato il gene della "feli…

Si chiama Maoa ed e' il g…

Nuovo metodo per ottenere cellul…

Possibile rivoluzione nel…

Sonno disturbato compromette i p…

La scarsa qualità del son…

Second Sight annuncia il success…

E’ la prova per il contin…

Dalla Ginecologia dell’Ospedale …

Unità Operativa Complessa…

DAI POMODORI ITALIANI UNA PILLOL…

[caption id="attachment_9…

Linfoma: un gene chiave implicat…

I risultati di una nuova …

Cure oncologiche e palliative va…

La Società europea di onc…

Infarto del miocardio: uomini pa…

Rispetto alle donne, gli …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dall’IAS una ricerca sulla sordita’ infantile

Circa 200 bambini ogni 100.000 nati nasce con una sordita’ profonda e nella maggior parte dei casi la patologia non viene diagnosticata alla nascita, nonostante sia la malattia congenita piu’ frequente. Se non identificata alla nascita, la diagnosi di sordita’ viene effettuata ancora con estremo ritardo: tra i 22 e i 28 mesi di eta’. I piu’ importanti Istituti di ricerca internazionali che si occupano del problema hanno dimostrato che l’identificazione precoce della malattia unita ad un intervento entro i primi 6-12 mesi di eta’, migliora notevolmente l’apprendimento del linguaggio e lo sviluppo cognitivo del bambino, riducendo in maniera significativa il grado di disabilita’.


L’identificazione precoce di una sordita’ in un bambino e’ l’unica metodica universalmente riconosciuta dalle piu’ importanti organizzazioni internazionali. Il progetto “La sordita’ infantile in Italia” promosso dall’IAS (Istituto per gli affari sociali), si prefigge di sviluppare azioni di prevenzione, migliorando gli interventi volti alla diagnosi e alla terapia della sordita’ infantile, promuovendo l’informazione e la formazione, riducendo la spesa sociale della malattia e l’onere che grava sui malati e sulle famiglie. La ricerca e’ stata eseguita su tutto il territorio nazionale e ha sviluppato, nel corso degli ultimi sei anni, azioni di prevenzione con l’obiettivo di verificare l’incidenza di questa patologia sui neonati, i costi sociali della sordita’ e l’onere che grava sui malati e sulle famiglie; migliorando gli interventi volti alla diagnosi e alla terapia della sordita’ infantile, e promuovendo lo screening uditivo neonatale come metodo di prevenzione del sordomutismo.Il progetto ha realizzato una rete informativa, unica nel suo genere in Italia, tra l’Istituto e gli oltre 600 punti nascita attivi nel nostro Paese, e ha predisposto una banca dati informatica che ha raccolto – con cadenza biennale – le informazioni puntuali sul numero di neonati sottoposti a screening uditivo neonatale.

Questa attivita’ ha reso l’IAS oggi referente nazionale ed internazionale sulla raccolta e analisi delle informazioni inerenti lo screening uditivo neonatale per l’Italia. Sulla base delle iniziative promosse dall’IAS si e’ realizzata una rete di screening uditivo neonatale universale che ha permesso, nel corso degli ultimi anni, un rapido e forte incremento dei neonati selezionati. L’indagine dell’Istituto per gli affari sociali, svolta su tutti i centri nascita in Italia, ha evidenziato che nel 2008 324.537 neonati sono stati esaminati con screening uditivo, pari al 60,6% del totale dei nati nel Paese. In Italia lo screening uditivo neonatale ha avuto, nel corso degli ultimi anni, un rapido e forte incremento. Si e’ infatti passati da 156.048 neonati esaminati nel 2003, pari al 29,3% di tutti i nati, a 262.103 neonati nel 2006, pari al 48,4% a 324.537 neonati nel 2008 pari al 60,6%. La distribuzione dei centri nascita con un programma di screening uditivo attivo presenta differenze significative da regione a regione: la maggior parte dei programmi di screening e’ stata attivata nelle due zone a maggiore sviluppo economico, nord est e nord ovest, mentre la diffusione rimane ancora limitata soprattutto nelle isole. In generale, in nove regioni italiane su 20 piu’ del 75% dei neonati e’ stato selezionato nel 2008 per la sordita’. In particolare, in tre regioni Italiane (Campania, Toscana e Marche), si e’ registrato un cospicuo e rapido incremento dei neonati selezionati grazie alla promulgazione di leggi regionali che prevedono l’attivazione dello screening uditivo neonatale. Si puo’ concludere che i livelli di prevenzione in Italia si stanno rapidamente allineando a quelli degli altri Paesi europei e il raggiungimento di una copertura completa dello screening su tutti i nati, oltre a garantire livelli equivalenti di assistenza, permetterebbe – nel tempo – un considerevole risparmio economico favorendo una normale vita di relazione sociale. Nell’ambito delle strategie sanitarie nazionali, l’IAS auspica l’istituzione e la realizzazione di un Registro Nazionale Sordita’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!